FABRIANO – Eligio Pellegrini ha festeggiato i suoi 104 anni

Pellegrini FabrianoFABRIANO SETTANTA ANNI fa fondò la Dc a Fabriano insieme ad Aristide Merloni, ieri, invece, ha tagliato il traguardo dei 104 anni. Il più anziano di Fabriano Eligio Pellegrini, che vive da solo nella sua abitazione di via Loreti, ha celebrato insieme ai parenti più stretti la ricorrenza con la consueta grande lucidità. Lui che tuttora esce a piedi in giro per la città anche da solo, ha avuto modo di ricordare nuovamente ai nipoti i trascorsi da calciatore dilettante nella prima squadra di Fabriano all’epoca denominata Excelsior, ma anche quelli da stimato artigiano di una locale cartotecnica che preparava, tra gli altri, documenti per le Cartiere Miliani, oggi Fedrigoni. «Fa impressione la sua grande voglia di rimanere autonomo», rivelano alcuni amici che spesso lo incrociano proprio nella immancabili passeggiate per il centro. «A volte viene aiutato nelle faccende domestiche e nella preparazione dei pasti, ma per il resto vuole continuare a fare tutto da solo. La sua è davvero una figura di grande lucidità. Al massimo deve rientrare a casa qualche volta perché si è dimenticato il bastone su cui appoggiarsi, ma per il resto è sempre molto presente e attivo». Negli anni scorsi è stato premiato da Bruno Palombi a nome della locale associazione Pro Fabriano’ con un riconoscimento di benemerenza non solo per la sua longevità, ma anche per quanto effettuato in una vita decisamente intensa. Pellegrini, peraltro, è di gran lunga il nonnino della città con quasi due anni in più di Annunziata Galli che il mese scorso è arrivata a 102 anni. Dietro di loro quattro fabrianesi a quota 101 e sette a 100 per un totale di 13 centenari, di cui undici donne e due soli uomini. In ogni caso Fabriano si conferma una realtà estremamente longeva, dove la popolazione anziana raggiunge numeri assai consistenti

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Sessione Bilancio previsione 27-29/12 Successivo Manifattura Tabacchi, arresti al vertice Sigarette taroccate per 100 milioni