Fabriano – Gli agricoltori: “Troppi cinghiali rovinano i raccolti”

cinghiali

– FABRIANO – CINGHIALI scatenati nei terreni agricoli della dorsale montana al confine tra il Fabrianese e la Vallesina. Blitz uno dietro l’altro negli ultimi giorni da parte degli ungulati che tra Sant’Elia, Poggio San Romualdo, Valdicastro e aree limitrofe hanno preso di mira le coltivazioni di orzo, grano e altri tipi di frumento. «La situazione è di nuovo molto difficile», si lamenta Sergio Paladini, uno degli agricoltori della zona di Sant’Elia che torna a chiedere aiuto alle istituzioni per placare il fenomeno della presenza di animali selvatici. «Li ho visti con i miei occhi in questo periodo in cui le femmine mettono alla luce i loro piccoli e dunque i branchi in cui si spostano i cinghiali sono decisamente numerosi. Il mio appello a nome di molti agricoltori è diretto a Ragione e Provincia. Lo scorso anno questi enti avrebbero dovuto dare il via ad inizio maggio all’azione dei cacciatori selezionati ed invece l’intervento è slittato a fine giugno quando ormai i danni erano stati molto consistenti. Ci auguriamo che stavolta non sia così». Il timore, appunto, è che anche in questa primavera 2015 buona parte del raccolto venga compromesso.

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

fonte foto www.lalama4.ilcannocchiale.it

Precedente Etilometro, due patenti ritirate a operai per troppo alcol Successivo Assessori Pd Marche si sono dimessi