Fabriano, buon avvio dei saldi invernali

bartolozzi
Fabriano – Mantenimento delle posizioni acquisite nel periodo natalizio. Buon avvio dei saldi invernali. Questo, in estrema sintesi, il commento del presidente della sezione fabrianese della Confcommercio, Mauro Bartolozzi, in merito alla situazione del comparto del commercio in città. «I primi giorni di questo avvio dei saldi invernali lasciano ben sperare. Eravamo abituati ad una partenza sprint, nel senso che un afflusso consistente di clientela, fin dal primo giorno, era riscontrabile da subito, visto e considerato che spesso si è partiti di sabato. L’aver posticipato l’inizio delle svendite non ci ha aiutati, almeno non nell’immediato, perché tanta gente martedì prima dell’Epifania è stato un normale giorno di lavoro».
L’AFFLUENZA
Dunque, una vera e propria affluenza, si è registrata dal tardo pomeriggio, in concomitanza con l’uscita dagli uffici e dalle aziende. «Poi, dall’Epifania in poi, abbiamo assistito ad una netta inversione di tendenza, soprattutto per il settore merceologico dell’abbigliamento, con i negozi aperti per tutta la giornata di festa». Ha sicuramente aiutato la manifestazione organizzata dal Comune, con la Befana in piazza, e soprattutto il fatto che la percentuale di sconti si è attestata, fin da subito, attorno al 40 per cento di media. «Con capi di abbigliamento delle collezioni dell’anno e non, come accade a volte in Italia, delle scorse collezioni», ha proseguito Bartolozzi. «In sintesi, in uno shopping natalizio in cui sembra essersi arrestata la caduta, nel senso che abbiamo mantenuto le posizioni acquisite lo scorso anno, e questo è un bene. Ora, con i saldi invernali speriamo – conclude – di poter migliorare il trend positivo». Concorde il commento di Leonardo Zannelli, portavoce dell’associazione commercianti. «Direi che l’avvio dei saldi è stato in linea con le previsioni. Non ci attendevamo il boom, ed infatti non lo abbiamo registrato. Ma, complessivamente, l’avvio dei saldi invernali si è rivelato tutto sommato buono. C’è stato movimento, registrato anche nel corso di tutto questo primo settimana di gennaio. Speriamo che possa rafforzarsi con il passare dei giorni».
Notizia riferita da Claudio Curti Il Messaggero di Fabriano
Precedente Il vento spazza la provincia: cede un albero, chiusi i Giardini Diaz Successivo E’ morto Alberto Panichi, fondatore della Blooming