Fabriano – Il turismo vince con cultura e sport

Museo della carta

Foto: MUSEO DELLA CARTA Circa 40mila visitatori

FABRIANO – IL TURISMO prova a decollare sfornando numeri in costante crescita. Nulla a che vedere, ovviamente, con le cifre assai più corpose delle zone costiere eppure la tendenza sembra piuttosto incoraggiante a scorrere il primo parziale report del 2015 da parte del Comune. «Nel primo semestre dell’anno scorso – dichiara l’assessore Giovanni Balducci – i pernotti registrati in città sono stati 35mila, ovvero circa il 10 per cento in più rispetto alla media dell’ultimo quinquennio. Stiamo attendendo il dato definitivo ma è quasi certo che si supererà quota 60mila e magari potremo anche avvicinare i 70mila. Considerato che non c’era in programma alcuna grande mostra come invece avvenuto nel 2014 con la rassegna ‘Giotto-Gentile’ c’è di che essere soddisfatti. Stesso trend per il Museo della Carta che ancora una volta ha ampiamente superato le 40mila presenze a conferma di come il lavoro portato avanti in questi anni stia dando i suoi frutti». Numeri che fanno sorridere l’assessore e soprattutto accrescono le aspettative per un 2016 in cui si conta di fare ancora meglio. «Ormai è evidente – incalza Balducci – come cultura e sport possano essere una sorta di motore per il turismo. E proprio per questo motivo puntiamo con decisione su eventi e iniziative capaci di portare in città un numero notevole di persone». Due in particolare le iniziative più attese e potenzialmente da grandi numeri. «Innanzitutto – aggiunge Balducci – il doppio evento con l’acquarello, prima ad aprile e poi a giugno. Nelle due rassegne a stretto giro di posta saranno migliaia le persone che soggiorneranno in città tra artisti, accompagnatori e svariati appassionati di pittura. E poi il grande appuntamento di luglio, quando Fabriano ospiterà una delle otto tappe del campionato mondiale di enduro. Essere riusciti a rappresentarel’Italia come unico evento nella nostra nazione non è solo motivo d’orgoglio, ma anche un consistente traino per il turismo. Stime caute parlano di almeno 10mila persone che stazioneranno a Fabriano tra la tre giorni di gara e il periodo immediatamente precedente dedicato a visionare il tracciato. Sarà una vetrina internazionale assoluta e non a caso tra una pochi giorni saremo a Ginevra per presentare l’evento, mentre in simultanea la Regione farà altrettanto alla Bit di Milano».Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO DI FABRIANO

Precedente Riorganizzazione uffici Consiglio Marche Successivo Castelfidardo, incendio nel bagno del centro commerciale. Guarda le foto