Fabriano – Inaugurato il Nuovo Centro Servizi per le associazioni di volontariato

Sede volontariato

Fabriano – Dalla sede della Croce Azzurra di via Brodolini, il Centro Servizi Volontariato della Regione Marche ha ora una nuova casa: quella che la Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, gli ha messo a disposizione presso via Beniamino Gigli nel Centro Commerciale “Il Gentile”. Sono stati il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, Marco Ottaviani, alla presenza di Vincenzo Marini Marini, vice presidente nazionale Acri, presidente regionale della Consulta Fondazioni, nonché presidente della Fondazione di Ascoli Piceno, del vice presidente della Fondazione di Pesaro, Martelli, del Direttore CSV delle Marche, Alessandro Fedeli, del presidente della delegazione di Ancona, Mario Argentati, ad inaugurare la moderna dimora del Centro Servizi Volontariato della Regione Marche. Ben dodici Associazioni di Volontariato, ne hanno già richiesto l’uso per lo svolgimento delle loro attività, che sarà consentito su prenotazione grazie alla presenza di un operatore del CSV Marche. “Stiamo ragionando con l’ottica di Comunità” ha commentato Ottaviani “per creare sinergie, stabilire priorità e accrescere la capacità di offerta di servizi al cittadino. Quella della Fondazione Carifac – ha sottolineato Marini Marini – è una indicazione ideologica e culturale ben definita, all’avanguardia, indirizzata sul Terzo Settore, sul Sociale, ambito di grande rilevanza per l’intera collettività: poter lavorare insieme ci consente di ottimizzare le risorse per assicurare continuità di vita a realtà come il Centro Servizi per il Volontariato Marche”. Come dire una mano alla solidarietà poiché, come ha spiegato Argentati “Il CSV è una struttura istituita dalla Legge nazionale sul volontariato n. 266/91 per offrire servizi gratuiti alle associazioni di volontariato con l’obiettivo di sostenerne e qualificarne le attività”. A livello organizzativo “è costituito da una sede regionale, cinque sportelli provinciali e punti operativi in altre 14 città marchigiane. I servizi offerti sono perlo più completamente gratuiti e rivolti a tutte le associazioni marchigiane: oltre 1500, socie e non del CSV, iscritte o meno al Registro regionale, nonché a tutti i cittadini che desiderano approfondire la conoscenza del mondo del volontariato. Alcuni dei servizi sono rivolti anche ad altri soggetti del Terzo Settore: associazioni di promozione sociale, associazioni sportive dilettantistiche, cooperative sociali ed altre organizzazioni non profit, dietro rimborso delle spese sostenute” sono ancora parole di Argentati “Sviluppata per rispondere ad ogni esigenza o bisogno delle associazioni di volontariato, la gamma dei servizi offerti è vasta e articolata su diverse aree: servizi logistici di base, progettazione, formazione, promozione, informazione e comunicazione, consulenza, beni e servizi solidali, convenzioni, reti e animazione territoriale”. A finanziare il CSV Marche, attorno al quale sono impegnate venti persone e il cui budget in due anni da tre milioni di euro s’è ridotto a poco meni di un milione e mezzo, oltre al Fondo Speciale per il Volontariato, provvede anche una quota degli utili annuali delle Fondazioni di origine Bancaria, tra le quali quelle delle Carifac di Ascoli, Fano, Fermo, Jesi, Loreto, Macerata, Pesaro e appunto quella di Fabriano e Cupramontana.

DANIELE GATTUCCI

Precedente Rottura del legamento, stagione finita per Melchiorri Successivo Accattonaggio molesto, blitz della municipale al mercato