FABRIANO, Incidente spettacolare con l’auto nel burrone

eliambulanza-soccorso

Con l’auto nel burrone,si rompe il femore

FABRIANO INCIDENTE spettacolare ma fortunatamente con conseguenze meno gravi di quanto si potesse inizialmente ipotizzare per L.R., 60enne fabrianese operaio in un’azienda della zona, residente nella frazione di Collamato. Ieri pomeriggio attorno alle 14,30 l’uomo di colpo ha perso il controllo della Lancia Y all’interno della quale viaggiava da solo. All’altezza di una semicurva quasi all’ingresso dell’abitato di Argignano e nei pressi del vicino svincolo per le frazioni di San Michele e Attiggio, l’auto è finita nella scarpata. Un’escursione sull’erba di circa quattro metri per la vettura che ha concluso la sua scivolata all’interno del ponte sottostante, comunque senza mai ribaltarsi. Un passante ha immediatamente avvertito i soccorsi, tanto che sul posto sono arrivati gli operatori della polizia stradale e dei vigili del fuoco. Insieme a loro anche infermieri e medici del 118 che hanno provveduto a caricare l’automobilista prima sul mezzo a terra e poi, attraverso l’eliambulanza, al trasferimento all’ospedale regionale di Torrette. L’uomo è sempre rimasto lucido e cosciente, nonostante l’inevitabile choc per l’improvvisa uscita di strada, anche se di fronte ai soccorritori ha immediatamente lamentato alcuni dolori alle gambe. A Torrette i primi rilievi hanno evidenziato una frattura al femore, ma con ogni probabilità sembrano aver escluso conseguenze più gravi. Insomma, salvo complicazioni successive al momento non prevedibili, l’uomo se l’è cavata con un grande spavento e tutto sommato ferite abbastanza circoscritte. Sul posto sono rimasti a lungo gli operatori delle forze dell’ordine prima per regolamentare la viabilità, poi per i rilievi del caso secondo i quali, appunto, l’automobilista ha fatto tutto da solo, uscendo di strada ad una velocità piuttosto contenuta, tale, appunto, da evitare conseguenze importanti.

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente FABRIANO - PREMI AI DIRIGENTI COMUNALI -di Claudio Biondi- Successivo Musica, "Con l'opera si mangia!" a Jesi