FABRIANO INDESIT – PIANO INDUSTRIALE E RIORGANIZZAZIONE DEI «COLLETTI BIANCHI»

tmp_16474-o.2142851395077744

Indesit: niente solidarietà, almeno per un mese
SUMMIT in Ministero a Roma il 19 febbraio tra management dell’azienda e sindacati per conoscere il piano industriale di Whirlpool dopo l’acquisizione di Indesit. In quel contesto, dunque, sotto la regia ministeriale il colosso americano dovrebbe svelare le sue strategie per il futuro e soprattutto pronunciarsi in merito allo scudo’ firmato un anno fa che prevede licenziamenti bloccati fino a tutto il 2018 in casa Indesit. Intanto la proprietà americana rinuncia a beneficiare temporaneamente dei contratti di solidarietà per gli impiegati della sede fabrianese Indesit a partire dal primo febbraio, ma il provvedimento sembra destinato ad avere durata molto breve. In teoria una notizia positiva in quanto il minore ricorso agli ammortizzatori sociali per i colletti bianchi’ potrebbe significare un notevole volume di lavoro, in realtà all’interno dell’azienda serpeggia grande cautela nei primi commenti. Per il momento, infatti, nessuno sa per quanto tempo si farà a meno dei contratti di solidarietà e c’è chi interpreta questo stop provvisorio come una sorta di passaggio tecnico. Proprio in questi giorni, infatti, la neo proprietaria Whirlpool che ha acquistato l’Indesit dalla famiglia Merloni sta infatti mettendo a punto sia il piano industriale, sia la riorganizzazione interna del lavoro e dunque la rinuncia potrebbe essere soltanto un tecnicismo in attesa di conoscere le reali esigenze del management. In ogni caso almeno per tutto il mese di febbraio gli impiegati della sede centrale dell’impresa di elettrodomestici riceveranno lo stipendio intero e non più decurtato dagli ammortizzatori sociali. Proprio sul fronte impiegatizio va anche ricordato come ad inizio anno sono stati una ventina i dirigenti dello storico plesso locale che hanno deciso di uscire di scena – a fronte di una buonuscita in denaro riducendo dunque il numero degli operatori, un po’ come successo alla Whirlpool di Varese dove sono in ultimazione la definitiva rinuncia a trenta colletti bianchi’.
FONTE IL RESTO DEL CARLINO 

Precedente Morto nel giorno del compleanno: il senatore Morgoni piange il padre Marcello Successivo Giustizia, più omicidi e casi corruzione