Fabriano – Industrie chiuse, tutti in ferie ma senza voglia di festeggiare

ferie operai

Fabriano – IN FERIE col magone i lavoratori delle grandi aziende fabrianesi che ieri hanno lasciato le fabbriche per il rompete le righe estivo. Nella stragrande maggioranza dei casi di tratterà di uno stop di almeno tre settimane con ferie lunghe, ma pure con un inizio di vacanza senza alcun tipo di festeggiamento, visto che ormai sembrano lontani anni luce i tempi in cui si celebrava lo stop produttivo nel clou della bella stagione con cene loculliane o serate in discoteca. Stavolta, insomma, c’è ben poco da festeggiare, visto che in diversi casi il futuro resta un’incognita come in seno alla Whirlpool dove a dicembre chiuderà lo storico sito a marchio Indesit di Albacina. Si ferma per tre settimane anche l’Elica dell’ex senatore Francesco Casoli, ma il caso limite è rappresentato dalla Jp, l’azienda di elettrodomestici dove i 700 dipendenti vanno in ferie senza una data certa per il ritorno al lavoro. Già un anno fa lo stop fu di oltre due mesi, stavolta è più che possibile il bis in quanto incombe la sentenza di Cassazione (prevista tra novembre e dicembre) dopo i due verdetti speculari di primo e secondo grado che hanno decretato nulla la vendita dal Ministero all’attuale proprietario Giovanni Porcarelli. FONTE IL RESTO DEL CARLINO FABRIANO

credito foto by http://tuttoggi.info/

Precedente Turismo, le Marche fanno parlare il web. E la reputazione è ottima Successivo Ancona: il Tribunale gli toglie il figlio buttafuori si dà fuoco, è gravissimo