Fabriano – Infiorata, la giuria sceglie il vincitore

infiorate

FABRIANO Questa sera si saprà quale infiorata artistica ha vinto la XXI edizione del Palio di San Giovanni Battista. Tanta attesa fra le quattro Porte cittadine. L’Albo d’onore della manifestazione vede primeggiare i Rossi della Cervara con 9 affermazioni, quindi i Gialli del Borgo a quota 5, i Verdi della Pisana e i Blu del Piano – che si sono aggiudicati la vittoria lo scorso anno – a 3. Come sempre, il quadro vincitore sarà lo stemma della prossima edizione del Palio. Prima di questo sentito appuntamento, altre manifestazioni sono previste nel ricco programma approntato dall’ente autonomo che gestisce il Palio. Alle 16 conferenza su “La cerchia muraria della città medioevale” a cura del Centro Studi Don Giuseppe Riganelli alla Biblioteca Multimediale Romulado Sassi. Quindi, alle 21.30, lo spettacolo del gruppo storico degli sbandieratori e balestrieri Città di Volterra (Pi) in piazza del Comune. Al termine, il verdetto sull’infiorata artistica più bella. La commissione giudicatrice ha esaminato le opere nella mattinata di domenica passando in rassegna le infiorate allestite per Porta del Borgo in piazza Garibaldi 50, per Porta Cervara nella chiesa di San Filippo, per Porta del Piano nella chiesa di San Domenico e per Porta Pisana al Ridotto del Teatro Gentile. Intanto va segnalato in debutto della Compagnia dell’Aquila Nera, nata in seno all’Ente Autonomo con l’intento di far rivivere la storia della signoria dei Chiavelli, la famiglia che governò la città dal 1378 al 1435. «Ha lo scopo – spiegano gli ideatori – di studiare e riproporre tutto ciò che poteva ruotare intorno alla vita di un gruppo di armati chiavelleschi, offrendo uno spaccato di vita medievale con ricostruzioni e duelli scenografici in costume per rievocare la storia locale in modo rigoroso». Anche gli scudi sono stati ricostruiti in maniera fedele usando gli stemmi inventariati nel 1297. Un’attenzione particolare è rivolta alla scherma storica grazie alla Sala d’Arme Achille Marozzo. I sei giovani fabrianesi – tra i quali anche il parroco don Umberto Rotili – che compongono la compagnia parteciperanno a competizioni anche fuori Regione. Prevista un’esibizione sabato alle 18.30 all’interno dei borghi medievali. E intanto sale l’attesa per la sfilata durante il corteo storico di domenica sera.

Claudio Curti IL MESSAGGERO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Civitanova, addio a Giovanni Sagripanti storico imprenditore calzaturiero Successivo Pedofilo scarcerato: "Non è pericoloso"