Fabriano – Ladri nel quartiere della Misericordia in pieno giorno in tre case diverse

ladro

– FABRIANO – LADRI DIURNI in azione nel quartiere della Misericordia, dove domenica pomeriggio hanno fatto razzìa di gioielli e contanti in tre abitazioni per un valore complessivo di quasi 10mila euro. Con ogni probabilità è stata la stessa banda ad entrare in azione in quella fascia oraria in cui sono stati presi di mira alloggi al pianterreno situati a brevissima distanza l’uno dall’altro. Identica, infatti, la tecnica utilizzata per avere accesso alle tre abitazioni situati nel complesso a poche decine di metri di distanza l’una dell’altra e tutte nella zona del popoloso rione che prende il nome della chiesa della Misricordia. In ciascuno dei casi i ladri – molto probabilmente più d’uno – hanno forzato le porte finestre con un oggetto contundente, forse un cacciavite, in modo da avere accesso agli interni. Una tecnica nel complesso abbastanza rudimentale ma indubbiamente efficace anche perché in tutte le tre circostanze i proprietari non erano presenti nelle loro abitazioni e così i predatori hanno avuto vita facile nel cercare di impossessarsi di quanto più interessava loro. Come molto spesso accade in queste occasioni, i malviventi non hanno mostrato alcun interesse per elettrodomestici, televisori ed oggetti particolarmente pesanti e dunque difficili da trasportare, ma hanno immediatamente rivolto la loro attenzione ai luoghi dove erano custoditi denaro liquido e monili. Nel complesso, dunque, un bottino piuttosto consistente secondo le prime ricostruzioni effettuati dai carabinieri della locale stazione a cui si sono rivolti i fabrianesi una volta rientrati in casa e capito che la loro abitazione era stata oggetto di visite ben poco gradite. Sùbito gli inquirenti si sono messi all’opera per ricostruire l’accaduto, cominciando dall’orario in cui i ladri hanno effettuato il triplice blitz stimato tra le 17 e le 20, dunque in piena fascia pomeridiana. Possibile che gli ignoti autori del colpo possano avere studiato nei giorni scorsi i movimenti dei residenti, in quanto sembra difficile ricondurre ad una coincidenza il fatto che tutti tre gli appartamenti erano vuoti al momento dell’incursione. I carabinieri si sono attivati nella ricerca di impronte anche parziali o di qualunque indizio per fornire una svolta alle indagini che in questi casi si annunciano inevitabilmente complicate. Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Pedaso, raffica di malori dopo la festa Scattano le analisi sul cibo servito Successivo Telefonino vietato, due studenti sospesi per un selfie proibito in palestra