Fabriano, L’Amministrazione e le Imprese locali – di Claudio Biondi –

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dal Consigliere Nazionale DC Claudio Biondi
immagineLavoriPubblici_510_297
Ogni giorno la situazione a Fabriano è sempre più grave,la disoccupazione aumenta,come aumentano le aziende che chiudono e le prospettive non sono certo rosee ed il futuro per noi Fabrianesi è veramente preoccupante. Chi si dovrebbe adoperare per dare una svolta a questa drammatica situazione? A nostro giudizio l’Amministrazione Comunale. Un Sindaco con la sua Giunta viene eletta per fare gli interessi della città e quindi dei suoi Cittadini questo è il loro dovere. Noi riteniamo che l’Amministrazione stessa  può migliorare la drammatica situazione che viviamo. Per esempio. Recentissimamente in uno degli ultimi Consigli Comunali hanno approvato il Piano Triennale LL.PP.2014-2016 per un importo complessivo di oltre 10 Milioni di Eur.di lavori. Questi andrebbero affidati,a nostro giudizio, a Ditte esclusivamente locali come fanno altri Amministratori  a noi vicini più responsabili, più affidabili, più attendibili e coraggiosi dei nostri. Questo non lo sosteniamo solo noi anzi, da tempo sia la CGIA che CNA propongono queste iniziative per risollevare le piccole e medie imprese locali.I nostri Amministratori debbono sapere che sono queste realtà che hanno creato e creano ricchezza per il territorio e che hanno dato e danno lavoro a tanti Fabrianesi e pagano inoltre pesanti tasse Comunali. Sostengono,queste realtà,che frazionando gli appalti, suddividendoli in lotti funzionali e per categorie di lavori, si darebbe a loro la possibilità di partecipare alle gare. Oggi questo non avviene ed i lavori vengono affidati a grandi Gruppi a grandi Aziende che poi sub appaltano a ditte tutte fuori Fabriano. In sintesi servono appalti a portata di piccola impresa. Non crediamo che si chieda la “Luna nel pozzo” si chiede una maggiore responsabilità da chi ci governa che ha il “dovere” di venire incontro alle esigenze della collettività. Viste queste richieste delle nostre piccole imprese locali siamo andati avedere cosa ha fatto in proposito la nostra Amministrazione per quei pochi lavori chehanno realizzato in questi ultimi mesi e a chi sono stati affidati.Incredibile ma vero tutti affidati a ditte di fuori,vedasi  i lavori per il Campo Sportivo di Serradica,per il campo di calcetto a Marischio, per la strada di accesso al Santuario della Madonna della Grotta ecc.  Hanno dato anche esternamente ad una ditta toscana l’imbustamento e la spedizione dei modelli di pagamento della TARI.”Dulcis in fundo” hanno escluso e nemmeno invitato i Commercianti, Ristoratori, Albergatori locali in occasione del protocollo d’intesa per la Valle della Creatività per rilanciare il turismo e la città.Per Sagramola & C.come abbiamo avuto modo di constatare, le realtà produttive locali , debbono pagare le tasse e…..basta!!!!!!!
Precedente Fabriano, ancora boom di ascolti, 6.456.000 di telespettatori per la fiction "Che Dio ci aiuti 3" Successivo Imprenditore uccide ex operai Sì al rimpatrio delle salme