Fabriano – Lampioni ko, la rabbia dei residenti

strada buia

FABRIANO «Ora basta». Insorgono i residenti di via Mattarella e via Broganelli per la mancanza di illuminazione pubblica. «I lampioni sono spenti da giorni e nessuno ci ascolta. Ci sentiamo profondamente insicuri». Ma le segnalazioni rispetto al funzionamento a singhiozzo, nella migliore delle ipotesi, si moltiplicano su Facebook. Nei vari gruppi cittadini e nella bacheca dell’Urp di Fabriano aumentano le lamentele. «Nella frazione di Cancelli nell’ultima settimana per almeno cinque giorni, l’illuminazione pubblica non era funzionante» si legge in un post. In via Mattarella sono stati segnalati, la scora settimana, auto sospette «che non ci fanno dormire bene. Del resto la scorsa settimana, in ben due appartamenti, sono arrivati i ladri. Per fortuna, i proprietari sono riusciti a difendersi prima che accadesse l’irreparabile». In via Broganelli, «non funziona nulla». Per non parlare, poi, di via Bellocchi, dove sono tanti mesi che i residenti segnalano la mancanza di illuminazione pubblica. In molti stanno pensando ad inviare esposti contro l’Amministrazione comunale «affinché si possa risolvere questa problematica». Si inizia a parlare con insistenza della possibile presentazione di una petizione, «ma anche di andare tutti sotto la sede comunale per protestare». Da parte sua, il sindaco Giancarlo Sagramola, ricorda come si sia provveduto a censire tutti i punti luce e rialzare i salva-vita. «Adesso potremo iniziare a verificare che tutto sia funzionante». Il sindaco si rende conto del disagio ed invoca pazienza. «Abbiamo iniziato a rimettere in sicurezza l’impianto di pubblica illuminazione attraverso i salva-vita. È normale che per esaminare tutte le linee ci voglia del tempo. Molte sono lunghe ed individuare i malfunzionamenti, che rischierebbero di determinare un corto circuito, non è semplice». Pazienza che decine di fabrianesi hanno esaurito. Notizia rifertita da Claudio Curti IL MESSAGGERO

Precedente Pistola in faccia e minacce: rapinato un imprenditore Successivo Prima vendevano la frutta, poi rapinavano il cliente