Fabriano – Licenziamenti bloccati al 2018, la Uil: «Inizio incoraggiante»

indesit

FABRIANO «L’INIZIO è sicuramente incoraggiante e per certi versi rasserenante, ma ora attendiamo il faccia a faccia del 19 febbraio a Roma per vedere svelati altri aspetti che riteniamo essenziali». Il segretario provinciale Uilm-Uil Vincenzo Gentilucci non si sbilancia più di tanto, ma lascia chiaramente intendere come già da ieri il clima negli stabilimenti Indesit del territorio sia più tranquillo. Infatti lo scudo’ salva-lavoratori con licenziamenti bloccati fino al 31 dicembre 2018 per tutti i dipendenti dell’azienda in Italia di cui oltre duemila nella sola Fabriano verrà rispettato in toto dalla nuova proprietà americana. Ad annunciarlo è stato il vice ministro allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti che, attraverso una nota scritta, ha risposto ad un’interrogazione della deputata di Sel Lara Ricciatti, atta proprio a chiedere lumi sulla intenzioni della Whirlpool. «Sono parole molto importanti ammette Gentilucci che attendiamo di sentire confermate nel summit del 19 febbraio nella capitale. In quella circostanza, comunque, contiamo anche di conoscere ulteriori aspetti del piano industriale della proprietà statunitense. In particolare riteniamo fondamentale ricevere assicurazioni sul piano di investimenti di 83 milioni di euro nei siti italiani per il triennio 2014-2016, in quanto è solo attraverso una politica di rafforzamento e sviluppo che si possono creare prospettive importanti per i lavoratori, magari iniziando sin d’ora a guardare oltre la scadenza dell’intesa valida fino al 2018».

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Fondazione Federiciana ecco il nuovo Consiglio di Amministrazione Successivo Pena alternativa per lo spacciatore Ai servizi sociali prima del processo