Fabriano – Nuove analisi dell’acqua, città in attesa

acqua potabile

NUOVI ESAMI dell’Asur stamane per capire se giovedì potrà essere ritirata l’ordinanza del sindaco in virtù della quale novemila fabrianesi sono senz’acqua potabile da tre giorni a causa di un’infiltrazione di coli fecali. In realtà già venerdì sono state effettuate analisi da parte di Multiservizi – l’ente gestore del comparto idrico per conto del Comune – da cui è emerso come il batterio fosse sparito dalle condutture che alimentano la zona Piano-Borgo e quella di Santa Maria. Si tratta però di esami che non hanno valore legale e dunque bisognerà attendere il prelievo odierno da parte dell’Asur. Serviranno 48 ore per conoscere i risultati ufficiali e in caso di esito favorevole toccherà al primo cittadino revocare l’attuale ordinanza secondo cui in una ventina di vie e piazze l’acqua è attualmente bevibile solo previa bollitura, mentre è utilizzabile per finalità igieniche senza restrizioni. «In queste circostanze – afferma il sindaco Giancarlo Sagramola – non resta che attendere gli esiti dei controlli. Tutto lascia presagire, compatibilmente con i tempi tecnici delle varie autorizzazioni, che si tratterà di uno stop contenuto. In ogni caso va specificato che siamo di fronte ad un fattore inquinante molto lieve. Per capirci, se qualcuno ingerisce quell’acqua al massimo può avere qualche problema di stomaco tale da doversi recare al bagno in tutta fretta, ma di certo i coli fecali non originano patologie realmente gravi o di lunga degenza».

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Ancona, maxi controlli con l'elicottero Tre arresti, uno per furto in casa Successivo Pesaro, deruba tre uomini di denaro e oro Li raggira con l'offerta di rapporti sessuali