Fabriano – Palazzine Erap via Urbani «Tagliano il gas a 32 famiglie per qualche moroso: assurdo»

contatore

«PAGARE TUTTI, anche chi è incolpevole, con la disattivazione collettiva di gas e riscaldamento per colpa di uno o due morosi è assurdo». E’ la lamentele di una delle residenti delle quattro palazzine dell’Erap di via Carlo Urbani a civici 3, 5, 7 e 9 – in cui risiedono 32 famiglie – dove dalla tarda serata di martedì gli impianti di riscaldamento sono stati bloccati dalla società che li gestisce. «Già lo scorso agosto – affermano i residenti – si era verificato il medesimo problema. In pratica succede che allo stato attuale ci sono due sole caldaie vicine per alimentare quattro palazzine e 32 appartamenti complessivi. Così basta che una o due utenze siano morose e l’Italgas provvede a bloccare l’erogazione per quel singolo soggetto in difetto, ma siccome le tubature fanno parte di un’unica conduttura anche chi paga regolarmente si vede disattivare il servizio». Secondo i condomini un vero e proprio paradosso, tanto che della questione è stato già informato il capogruppo consiliare del ‘5 stelle’ Joselito Arcioni e a brevissimo il caso dovrebbe arrivare proprio in consiglio comunale. Peraltro già nei mesi scorsi una delegazione dei residenti di quegli alloggi a canone concordato gestiti dall’Erap si era presentata nella sala consiliare di Palazzo Chiavelli per far presente quanti e quali fossero i problemi con cui erano chiamati a convivere. Allora nel mirino finirono soprattutto le numerose infiltrazioni di umidità e acqua piovana, ora, invece, ecco spuntare il forte disagio per il gas messo fuori uso. «Peraltro – fanno notare gli abitanti – in queste palazzine ci sono bambini, anziani e ragazzi potatori di handicap. Non è possibile che durante la stagione fredda di colpo si proceda ad interventi così drastici e per questo è necessario e inderogabile costruire un nuovo impianto con contatori divisi senza più una linea unica». Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

Precedente Truffe agli anziani, ecco l’identikit del ricercato. Lo riconoscete? Successivo Incidente a Montelabbate, muore a 23 anni