Fabriano – Parcheggiatori, l’ombra del racket

Commissario Morra

FABRIANO – NUOVI BLITZ della polizia in arrivo al posteggio dell’ospedale, dove sabato sono stati allontanati due parcheggiatori abusivi per la prima volta filmati a distanza dalle forze dell’ordine. Già nei prossimi giorni, dunque, la situazione tornerà ad essere monitorata per capire se esista un racket dell’accattonaggio, tale da sostituire i due nigeriani denunciati con altre figure dedite alla medesima attività. C’è da capire se si è di fronte ad un’organizzazione che agisce in maniera reiterata e strutturata. Gli agenti del Commissariato coordinati dal vice questore Michele Morra potrebbero ricorrere ai video come nei giorni scorsi, quando per una settimana sono stati filmati i due uomini residenti nella vicina Gualdo Tadino e proprio attraverso i video è stata costruita l’accusa, suffragata dalle prove documentali, secondo cui i due avrebbero di fatto trasformato il parcheggio del Profili nel loro abituale luogo di lavoro. UNA VOLTA acquisito materiale a sufficienza per inchiodare la coppia di nigeriani alle proprie responsabilità, i poliziotti hanno preceduto a fermarli. Subito sono state sequestrate tutte le monete in possesso dei due uomini ritenute provento dell’attività abusiva di parcheggiatori non autorizzati per poi provvedere alla denuncia e a comminare multe in denaro per oltre duemila euro. Al termine dei controlli è scattato anche il provvedimento del foglio di via obbligatorio con il divieto per tre anni a presentarsi in città. Tra le verifiche effettuate anche quelle relative al permesso di soggiorno di cui i due sono regolarmente in possesso in quanto risultano effettuare la professione di badanti, ma anche su questo aspetto sono stati avviati specifici accertamenti sull’eventualità di essere comunque allontanati dall’Italia. Insomma, più che mai linea dura contro l’accattonaggio molesto con la svolta video voluta dal vice questore Michele Morra a cui plaude l’amministrazione comunale. «Saremo al fianco del dirigente di polizia e dei suoi collaboratori in questa battaglia», afferma l’assessore alla sicurezza Mario Paglialunga che già lo scorso anno aveva caldeggiato l’idea di utilizzare telecamere e video per stanare i parcheggiatori abusivi. «E’ giusto che la tecnologia venga in aiuto di azioni finalizzate alla pubblica sicurezza. Ciò vale anche per altri progetti che stiamo cercando di mettere a punto con la polizia municipale e proprio con il Commissariato».

Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Pesca, delegazione Angola in Regione Successivo Le giornate del Fai, Villa Guerrini e i suoi giardini, poi tutti i segreti del Miralfiore