Fabriano – Piscina per disabili salva, i corsi si faranno

urbani -ottaviani

Fabriano – IL PROGETTO DONAZIONI DA FONDAZIONE CARIFAC E AZIENDA AIRFORCE. – I RAGAZZI disabili, in tutto 25, potranno continuare ad usufruire delle terapie in piscina per questi ultimi mesi del 2015 e per tutto il 2016 grazie al sostegno economico dell’azienda Airforce di Urbano Urbani e della Fondazione Carifac. Dopo il taglio dei fondi da parte del Comune era, infatti, fortemente a rischio la prosecuzione dell’attività, ma ora grazie a questa doppia donazione il caso si è di fatto risolto. In pratica in passato il costo orario di 24 euro per ogni seduta di un singolo utente veniva coperta per 8 euro dalla piscina municipale, per la stessa cifra dall’utente e per altri 8 euro dal Comune. Venendo meno i sussidi municipali ridotti a zero, ora quella quota se la sono interamente accollata Airforce e Fondazione Carifac sborsando attorno agli 800 euro al mese in quanto ogni partecipante effettua 8in media una seduta a settimana. «Il nostro grazie è forte a chi ha salvato il servizio», afferma il presidente della locale sezione del Moddih Maurizio Diociaiuti. «In questo modo – afferma Mirko Santoni, coordinatore della gestione della piscina – potremo continuare a garantire un’attività funzionale e capillare ovvero con la presenza di un istruttore per ogni singolo natante». Il presidente della Fondazione Carifac Marco Ottaviani ricorda come «questo come contributo si inserisce nella cultura fabrianese in generale e del nostro ente di grande sostegno e solidarietà verso i nostri ‘ragazzi speciali’ e la fasce più deboli in genere». Soddisfatto Urbano Urbani, perché «la nostra azienda quest’anno ha tagliato sponsorizzazioni ed erogazioni ad eventi di vario genere preferendo concentrare i suoi aiuti a chi davvero ne ha bisogno». Notizia riferita da Alessandro Di Marco sulle pagine del Resto del Carlino

Precedente Finti poliziotti ottengono 2.500 euro Successivo Vertenza Cisa, raggiunta ipotesi accordo