Fabriano – Punto nascita, una petizione on line, in poche ore raccolte seicento firme

sveglia fabrianesi

“No alla chiusura del punto nascita, no al depotenziamento del nostro ospedale”. Questi gli slogan utilizzati dal comitato “Sveglia Fabrianesi” per lanciare una petizione online che, in pochissime ora, ha già raggiunto quasi 600 sottoscrizioni. Il coordinamento in difesa del punto nascite ha indetto per domani alle 18, nella sala Avis, un’ assemblea pubblica per definire le nuove iniziative. «Il presidente Ceriscioli, il dg Asur Marini e il presidente della IV Commissione Volpini, palesano una totale chiusura nei confronti delle richieste di un intero territorio volte a mantenere aperto il punto nascita ma non solo, infatti è recente la scoperta che all’interno del nosocomio risultano già chiusi reparti di eccellenza mentre altri sono stati accorpati, palesando quindi il lento e costante depotenziamento di tutta la struttura» si legge in una nota. Tra le svariate motivazioni contrarie alla chiusura del punto nascita e avanzate dal comitato Sveglia Fabrianesi la più rilevante è quella relativa alla distanza che intercorre tra il territorio montano e Jesi. «Parliamo di distanze e soprattutto di tipologia stradale. Si tratta di strade che corrono lungo valli soggette a frane o intervallate da numerose gallerie che si trasformano in pericolose trappole al minimo incidente o precipitazione atmosferica; trappole che precludono appunto la possibilità ai mezzi di soccorso di raggiungere l’ospedale ritenuto idoneo dalla regione in tempi accettabili ed esponendo in serio pericolo la vita dei pazienti». Chiunque voglia firmare, può collegarsi sulla piattaforma on line Change.org e sottoscriverla. Nel frattempo, continua a muoversi anche la politica. Su impulso della segreteria cittadina e di tutta la zona montana è stato organizzato un incontro venerdì alle 17 alla Palombella ad Ancona, tra i segretari dei circoli, la segreteria regionale ed il presidente Ceriscioli a cui è stato invitato anche il dg Asur. «Siamo convinti – afferma il segretario Pd cittadino, Michele Crocetti – che i nostri sforzi sapranno far prevalere la logica del buon senso e della buona amministrazione, perché si possano trovare insieme le migliori soluzioni». Notizia riferita da Claudio Curti IL MESSAGGERO

Precedente Terrore all'asilo per una fuga di gas: evacuati 150 bambini, nessun ferito Successivo Della Valle, auguri al Paese, speriamo cose vadano meglio