Fabriano – Punto nascite, la rivolta dei passeggini arriva fino in Regione

comitato nascite fabriano

FABRIANO – LA RIVOLTA dei passeggini si spinge fino ad Ancona dove martedì mattina, in occasione del consiglio regionale, una robusta delegazione fabrianese del locale ‘Coordinamento punto nascite’ si presenterà per un sit in a Palazzo Raffaello sperando di potersi confrontare con il governatore Luca Ceriscioli. Sempre più forte, dunque, il pressing delle mamme. Ma in prima linea c’è anche il sindaco Giancarlo Sagramola, che nelle ultime ore sembra più ermetico e criptico del solito. «Su questa vicenda – afferma Sagramola – non è più il momento di parlare, ma di agire. Quello che dovevo dire l’ho detto e anche più volte. Ora sto iniziando ad agire, magari sottotraccia, ma vi assicuro che sto facendo proprio di tutto perché il punto nascite non chiuda». Altro non dice Sagramola, ma dal tono di voce piuttosto gagliardo e battagliero si intuisce che crede ancora in un clamoroso cambio di rotta di Ceriscioli e dunque in un salvataggio last minute. I RUMORS che filtrano dal palazzo comunale fanno capire che sindaco e governatore sarebbero tornati a sentirsi telefonicamente in confronti informali ma assai accesi, mentre dall’entourage del primi cittadino evidenziano come lo stesso Sagramola voglia vincere la battaglia a tutti i costi e stia tirando fuori una determinazione assoluta. Del resto il sindaco sa che questa ormai è anche una sfida a carattere politico in cui lui stesso – da sempre in forza al Pd – si gioca molto della sua credibilità amministrativa nel convincere il governatore del proprio partito a recedere dalla volontà di dire basta alle cicogne a Fabriano. In un periodo in cui il Comune è alle prese anche con i problemi finanziari dovuti al maxi risarcimento da un milione e 300 mila euro della sentenza Penzi, il ‘caso cicogne’ diventa un altro snodo determinante sul fronte del riavvicinamento tra il primo cittadino e l’intera amministrazione alla comunità. Non a caso dall’opposizione arrivano parole chiare tramite il consigliere comunale di Sel Emanuele Rossi: «Renzi è del Pd, Ceriscioli del Pd, Sagramola del Pd. Basta con il gioco delle tre carte in casa Democrat». Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

Precedente San Benedetto, primarie fissate il 6 marzo I quattro candidati pronti alla sfida Successivo Montecosaro, riduce un conoscente in fin di vita: trentunenne arrestato