Fabriano «Sbloccare i benefit per chi assumerà i disoccupati ex Ardo»

ex-ardo

FABRIANO – SBLOCCARE i 35 milioni di euro destinati al territorio prorogando la scadenza dell’accordo di programma e rimodulandolo in modo tale da semplificare l’accesso ai benefit per gli imprenditori che decidono di investire in zona assumendo i disoccupati ex Ardo. È l’appello lanciato dai sindacati a dieci giorni dalla scadenza di quel documento che fin qui ha rappresentato solo una gigantesca beffa per quanti pensavano potesse risolvere, almeno in parte, i problemi di economia produttiva ed occupazione. Quando, cinque anni fa, venne firmata l’intesa e Stato e Regioni decisero di elargire i 35 milioni di euro nei territori della crisi dell’ex Ardo più di qualcuno azzardò che potesse cominciare in qualche modo la ripresa, ma a distanza di un quinquennio in pochissimi stanno ultimando le pratiche per ricevere quegli sgravi fiscali. Proprio in questo mese di marzo, appunto, termina l’intesa con la stragrande maggioranza dei 35 milioni di euro che rischiano di rimanere inutilizzati ed ecco perché dalle parti sociali si leva una nuova richiesta al Ministero sia per la proroga sia per sburocratizzare l’accesso ai finanziamenti. «Sulla vicenda è calato un inquietante e preoccupante silenzio», afferma il segretario della Cusl fabrianese Guanito Morici. «Al momento non ci sono novità sulla proroga ma ancora più grave è la mancanza di notizie sulla modifica del decreto legge 181 che doveva essere discusso in Conferenza Stato Regioni il 10 e 17 febbraio scorsi. È importante ricordare che un rinnovo dell’accordo senza la modifica-semplificazione del decreto risulterebbe sostanzialmente inutile. Ci auguriamo che su tutta questa storia infinita non siano sorti nuovi problemi».

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

I commenti sono chiusi.