Fabriano – Sciopero del parcheggio, protesta anti strisce blu

piazza del comune fabriano

Aumenti nel mirino di residenti e commercianti. I nuovi parcheggi a pagamento di Fabriano scatenano le proteste degli automobilisti. Lasciare l’auto in centro diventa sempre più complicato e costoso. Nel mirino la decisione della Giunta Sagramola di togliere circa 50 posti gratuiti dal grande parcheggio di Via Cappuccini, vicino ai Giardini pubblici e alcuni in Via Miliani per trasformarli a 1 euro l’ora. Da giorni è in atto una sorta di ‘sciopero del parcheggio’ con tanti cittadini che si rifiutano di lasciare l’auto nei nuovi posteggi. “Tutte le mattine, il martedì e giovedì pomeriggio – denunciano alcuni fabrianesi – il parcheggio è di proprietà dei dipendenti comunali che, da soli, occupano, dalle 8, quasi tutti i posti gratuiti insieme al personale della scuola e delle Poste. ‘ I parcheggi a pagamento rimangono vuoti per protesta. “Addirittura – fa notare un residnete – hanno colorato di blu anche il parcheggio davanti alla Casa dell’Acqua. E gli ausiliari che non guardano in faccia a nessuno e multano anche se il biglietto è scaduto da 2 minuti. Quello che risparmio sulla plastica lo devo investire nel biglietto per la sosta.” Polemiche anche in piazza del Comune. “Basta strisce blu. Parcheggi gratuiti – denunciano alcuni commercianti – o chiudiamo il centro alle auto”. Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Leggi l’articolo

Precedente Treno carico di carri armati: il caso finisce in Parlamento Successivo E' morta Federica Serrani, la studentessa 22enne uccisa dal male