Fabriano – Sempre più lontane le dimissioni di Sagramola

consiglio comunale maggioranza

FABRIANO – LE DIMISSIONI del sindaco Giancarlo Sagramola si allontanano ancora di più dopo la riunione di maggioranza di sabato mattina tra consiglieri comunali e assessori. Già le rassicurazioni verbali ricevute a Roma al Ministero dell’Interno in merito alla possibile rateizzazione del pagamento del maxi risarcimento da un milione e 300 mila euro all’impresa Penzi per i lavori di ampliamento dell’ospedale Profili di vent’anni fa avevano spronato il primo cittadino ad accantonare l’ipotesi dimissioni. Ora ecco la fiducia totale incassata dai suoi sostenitori nel conclave in città a rafforzare la volontà di andare avanti. «Il sindaco – si legge in una nota pubblicata sul profilo Facebook del primo cittadino – ha proposto l’avvio di un percorso per mitigare gli effetti della sentenza Penzi e ridare un ruolo alla politica per evitare lo stato di dissesto del Comune». Visto che serviranno diverse settimane per trovare una soluzione definitiva, è certo che Sagramola resterà in sella almeno per tutto gennaio in una fase in cui dall’opposizione continuano comunque a levarsi forti polemiche. «Il sindaco con il suo balletto sulle dimissioni sta tenendo in ostaggio i fabrianesi: ci faccia un favore, lasci ora e si vada al voto in primavera». Parole della deputata del ‘5 stelle’ Patrizia Terzoni che scende in campo sulla politica cittadina e lancia una sorta di sfida al primo cittadino. «Se dimissioni devono essere – sostiene la parlamentare fabrianese – che avvengano subito e non in maniera calcolata per rendere impossibili elezioni anticipate. La città non può rimanere imprigionata in giochi politici. Quello che serve è un nuovo slancio, un’amministrazione in grado di mettere al centro dell’attività politica la comunità prima di ogni altra cosa». Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente San Benedetto, in corso maxi operazione con elicottero e reparti speciali Successivo Ritrovata la quindicenne scomparsa da scuola: era a casa di un amico