FABRIANO – IL SINDACO SAGRAMOLA CI AGGIORNA SULLA SITUAZIONE SISMA

Sagramola

AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

COMUNICATO DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE – COC – DELLE ORE 18.45 DEL 08.11. 2016

Per quanto riguarda le strutture per l’accoglienza rimangono aperti il PalaCesari, il PalaFermi e il treno con le cuccette presso la stazione che nella notte hanno ospitato 191 persone .
Tutte le strutture rimangono riservate in via prioritaria alle persone la cui abitazione è stata dichiarata inagibile con ordinanza.
Rimane operativa una convenzione con strutture alberghiere per ospitare famiglie con inagibilità.
Per attivare il servizio di accoglienza alberghiera ci si deve rivolgere al Comune chiamando il numero 0732 709343 operativo anche dalle ore 8.00 alle ore 14.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00.
Le strutture alberghiere che sono interessate ad attivare una convezione possono rivolgersi allo stesso numero ( 0732 709343).
Ricordiamo che non ci si può presentare nelle strutture ricettive chiedendo di soggiornare a nome del Comune o altro, l’unica modalità per accedervi è contattare il Comune con la modalità sopra descritta.
Nelle strutture alberghiere sono attualmente ospitate 125 persone.

E’ disponibile nel sito istituzionale l’avviso per la richiesta di contributi per l’autonoma sistemazione (CAS ) per coloro che hanno la propria abitazione inagibile, per avere maggiori informazioni sul contributo ci si può rivolgere all’Ufficio Servizio Sociali in Piazzale 26 settembre 1997 – tel. 0732 709221
Inoltre, da questa sera è pubblicato in home page sempre nel sito istituzionale un avviso pubblico rivolto a tutti coloro che hanno unità immobiliari di civile abitazione, agibili e non utilizzate, a manifestare il proprio interesse a metterle a disposizione temporaneamente per i nuclei familiari le cui abitazioni principali sia state dichiarate inagibili al seguito degli eventi sismici .

Il mercato sabato 12 novembre torna in Piazza Garibaldi.
Dal pomeriggio di domani riapre l’ Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica – IAT- che temporaneamente, visti i danni riportati da Palazzo Chiavelli, si è spostato presso la Pinacoteca Civica B.Molajoli .
Torna da domani fruibile al pubblico anche la collezione donata da Ester Merloni esposta al piano terra della Pinacoteca.

Ricordiamo inoltre che l’Ufficio Relazioni con il Pubblico è già operativo presso la Biblioteca Multimediale R.Sassi , mentre gli uffici della Polizia Municipale si sono spostati presso la sede comunale di Piazzale 26 settembre 1997.

Alle ore 17.00 le richieste di sopralluogo sono aumentate a n. 2108 ( ieri erano 2050), ad oggi ne sono state evase n. 443 mentre n. 71 sono i controlli eseguiti dai Vigili del Fuoco in data odierna.

Sono state emesse fino alle ore 17.00 n.85 ordinanze di sgombero che riguardano 219 famiglie per un totale di 545 persone.
Sono sempre in corso di predisposizione altre ordinanze che verranno emanate nelle prossime ore e nei prossimi giorni.

Le attività della Croce Rossa si svolgono presso l’immobile in via G. di Vittorio .

IMPORTANTE: A causa dell’inagibilità parziale della parte storica dell’ospedale E. Profili si potranno verificare difficoltà per l’attività ambulatoriale.
Nel sito istituzionale del Comune è disponibile un comunicato dell’Area Vasta n. 2 con l’indicazione dei servizi che hanno variato provvisoriamente allocazione a seguito degli eventi sismici.

Il Comune rimarrà aperto anche domani con il seguente orario 8.00 – 14.00 e 15.00 – 18.00, successivamente sarà come sempre operativa la sala della Protezione Civile.
Rimangono sempre attivi nelle 24 ore i servizi di accoglienza ed il servizio di ricezione delle segnalazioni al numero 0732 709112 e gli altri ordinari numeri di emergenza.
Ricordiamo che solo i tecnici del Comune (identificabili con appositi tesserini di riconoscimento) ed i Vigili del Fuoco sono autorizzati a fare i controlli nelle abitazioni, quindi auto sospette o situazioni anomale vanno segnalate prontamente ai numeri delle Forze dell’Ordine: Polizia 113 – Carabinieri 112 e Guardia di Finanza 117.
#sisma #terremoto #fabriano #centroitalia #restiamouniti 

Precedente Fermo, la scomparsa di Cicconi Si cerca anche tra gli sfollati Successivo È morto Umberto Veronesi