Fabriano – Il sito internet del Comune colpito dagli hacker

 

haker comune

ATTACCO hacker al sito internet del Comune di Fabriano che dalla tarda serata di martedì a metà mattinata di ieri è stato preso d’assalto dagli hacker. Alcune croci di colore tra il rosso e il marrone con a lato un semicerchio occupato da una sorta di aureola in erba e sotto la sagoma di un uomo vestito di nero hanno occupato a lungo la schermata di apertura della piattaforma web municipale, che peraltro solo pochi giorni fa aveva cambiato indirizzo e veste grafica. Forse proprio questo recentissimo passaggio tecnico potrebbe aver contribuito ad indebolire provvisoriamente le protezioni anti-hacker, sta di fatto che scritte e raffigurazioni sono le stesse comparse poco meno di un mese fa sul sito della facoltà di medicina dell’Università ‘Federico II’ di Napoli. In quel caso oltre alle medesime immagini era comparsa la scritta ‘Anonplus anonymous’, ovvero la denominazione dell’associazione di hackeristi che ha occupato quello spazio riferendo di battersi per «la libertà di informazione, la libertà del popolo e l’emancipazione di quest’ultimo dalla schiavitù». Si tratterebbe di un gruppo che in passato già si è resto responsabile di altri attacchi simili ad enti amministrativi e governativi, oltre che imprese di livello internazionale, al fine di diffondere in questo modo i propri messaggi. L’episodio è stato ovviamente segnalato alle forze dell’ordine, anche se al momento non sembra che chi abbia cliccato sul sito nel periodo in cui è stato stravolto dai pirati informatici rischi di incappare in qualche virus o altri tipi di conseguenze. Dalla mattinata di ieri la situazione è tornata normale e lo spazio web normalmente consultabile da parte dei cittadini che sul sito possono consultare i provvedimenti dell’ente municipale e notizie di vario genere, compresi gli eventi, soprattutto su scala locale.

resto del carlino

Precedente Ancona, evade dai domiciliari perchè non sopporta la cognata: meglio il carcere Successivo Migranti, conclusa protesta Ancona