Fabriano – Sosta a pagamento, incassi record

parcheggi pagamento

FABRIANO – COMUNE, I GRILLINI: «CON IL CONTROLLO DEI VIGILI TUTTO E’ CAMBIATO» INCASSI RECORD per i posteggi cittadini dovuti alla rivoluzione parcheggi degli ultimi mesi ma forse anche alla riorganizzazione della gestione affidata da qualche tempo alla polizia municipale. Di certo c’è che sono numeri da far impressione se si considera come in due anni si rischia quasi di triplicare il gettito in entrata passando dai 65mila euro del 2013 ad un 2015 che fino a novembre compreso ha registrato 135mila euro di entrate e dunque tutto lascia presagire che si sfonderà il tetto dei 150 mila. Già nel 2014 si era evidenziata una chiara inversione di tendenza arrivando a 122mila euro quindi quasi raddoppiando gli incassi di un anno prima e del 2012 quando ci si era attestati a quota 67mila euro, ma in questo 2015 la tendenza al rialzo è ancora più chiara. Prova ne è il mese di novembre quello in cui con l’arrivo dei svariate decine di nuovi parcheggi a pagamento si è passati da 4574 euro del 2012 agli attuali 17.931, dunque con un’impennata in tre anni di oltre il 300%. Probabile, dunque, che almeno in parte abbia influito la ‘stangatina’ del Comune con l’incremento della tariffa dello scorso agosto (da 70 centesimi orari in fascia unica a due fasce da 90 centesimi e un euro) e, appunto, la successiva trasformazione di un notevole numero di box da liberi a tariffa. Ma secondo il ‘5 stelle’ che ha chiesto e ottenuto l’accesso agli atti per interrogare il sindaco Giancarlo Sagramola c’è pure dell’altro. «Fa specie – afferma il capogruppo consiliare Joselito Arcioni – come appena si sia passati dalla precedente gestione a quella affidata ai vigili urbani subito si siano impennate le entrate. Viene quasi da chiedersi se non ci siano gli estremi per un’azione per danno erariale nei confronti di chi in precedenza ha coordinato il servizio peraltro passato sotto diverse guide». Il sindaco sottolinea, invece, come «la riorganizzazione ha effettivamente dato i suoi frutti sebbene siano serviti 15 mesi per procedere a reinternalizzare il servizio. L’aumento della sosta a pagamento? E’ per favorire il turnover soprattutto in centro, non per fare cassa». Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Macerata, stop al mercato del falso Sequestro di vestiti al mercato Successivo Ancona, bloccati capi con false griffe Sequestro da oltre 4 milioni di euro