Fabriano – Suor Angela vuole tornare in città

Elena Sofia Ricci

– FABRIANO – LA FICTION LA PRODUZIONE HA SOLLECITATO PER IL COMUNE MA IL PALLINO E’ IN MANO ALLA REGIONE – LA FICTION di Raiuno ‘Che Dio ci aiuti’, attraverso i produttori della Vide Lux e il regista Francesco Vicario, in pressing per tornare a Fabriano all’inizio del 2016 e girare in città anche le riprese della quarta edizione. «E’ vero che gradiscono il ritorno, ma non dipende da noi», afferma il sindaco Giancarlo Sagramola. «Il Comune è pronto a mettere di nuovo a disposizione tutto ciò che serve sul fronte di logistica e servizi, tuttavia sul fronte economico non abbiamo certo la possibilità di sborsare cifre pesanti». In ogni caso il tempo stringe perché a febbraio dovrebbero scattare le riprese della quarta serie della produzione televisiva che vede protagonista la suora più famosa d’Italia, Suor Angela, interpretata da Elena Sofia Ricci. A breve, dunque, si conoscerà la location che i produttori sperano di mantenere a Fabriano non solo per questioni di continuità narrativa ma anche perché un anno e mezzo fa, in occasione delle riprese della terza serie, l’accoglienza in città era stata giudicata assolutamente eccellente. Il problema, di fatto, è tutto di natura economica, in quanto nel recente passato la Regione allora guidata dal fabrianese Gian Mario Spacca sborsò svariate centinaia di migliaia di euro perché nella finzione scenica il monastero delle suore non fosse più a Modena, ma nel centralissimo Oratorio della Carità di Fabriano. Ora, invece, la Regione non sembra più incline ad esborsi così esosi e pare orientata a chiedere un netto ribasso nonostante la serie dello scorso anno abbia registrato oltre sei milioni di spettatori in media per ciascuna puntata in onda il giovedì in prima serata preceduta da spot promozionali sulle Marche. Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

LEGGI L’ARTICOLO IN ORIGINALE

credit foto by http://www.tvapuntate.it/

Precedente San Benedetto, identificato il bandito della tentata rapina da Acqua&Sapone Successivo Antonio, 'ho fatto fuoco di copertura'