Fabriano – Tavole, tele, statue: la diocesi mostra al pubblico le sue opere

curia

ULTIMI preparativi prima dell’apertura del Museo diocesano che avverrà in primavera. Il nuovo plesso museale sarà posizionato nella sede di Palazzo Vescovile, ovvero di fronte alla Cattedrale e anche allo Spedale Buon Gesù sede della Pinacoteca. Ormai, dunque, siamo agli ultimi dettagli per la sistemazione della struttura all’interno della quale saranno presenti diverse decine di opere suddivise nelle sei sale del plesso. Tra tavole, tele, statue, argenteria e oggetti di arte e artigianato sacro ci sarà spazio anche per nomi importanti da Allegretto Nuzi a Loreti e Domiziani. «Stiamo anche provvedendo anticipa il direttore del museo don Alfredo Zuccatosta a sistemare i locali al pianterreno per la creazione di un bookshop, predisponendo al tempo stesso spazi da dedicare all’allestimento di mostre temporanee». Solo una manciata di opere appartenenti alla Pinacoteca verranno inserite nel Museo diocesano il cui obiettivo è proprio quello di fare sinergia con gli altri poli culturali della città. Un imminente nuovo arrivo, quindi, che va a potenziare l’offerta turistico-culturale inserendosi all’interno del cosiddetto circuito dei mille passi’, ovvero quello che comprende in poche centinaia di metri una lunga serie di attrattive dal Museo della carta a quello della stampa fino ai pianoforti storici.

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Agenzia delle Entrate di Urbino Indagato un impiegato per abuso Successivo Notte Rosa nel Pesarese, Fano risponde presente