Fabriano, telemedicina oncologica, ecco la nuova frontiera delle cure

Ospedale Fabriano1

Il Borghigiano- Presentato l’ambizioso progetto di telemedicina oncologica “Intelligent Oncology Telecare”, realizzato tramite una collaborazione tra Associazione Oncologica Fabrianese e senigalliese, Whirlpool, Politecnica della Marche e Università di Camerino ed Asur Area Vasta 2. Un sostegno Whirpool che segue e rinnova quello storico di Vittorio Merloni ed Indesit: ci sarà infatti sostegno finanziario per una borsa di studio destinata ad un oncologo. Un mix tra pubblico e privato quindi che permetterà ai 100 pazienti della sperimentazione un accesso alternativo alle cure oncologiche e palliative.

Il progetto attraverso un nuovo sistema informatico monitorerà continuamente il paziente e controllerà l’azione del farmaco e degli effetti collaterali della terapia. Ci sarà anche la possibilità da parte dei medici responsabili e degli oncologi di intervenire in maniera tempestiva sulla base delle analisi dei dati raccolti. Quello presentato ieri a Fabriano è quindi il primo progetto italiano di telemedicina in oncologia e uno dei primissimi a livello mondiale e consentirà anche assistenza clinica e psicologica dei malati e la possibilità di intervenire in maniera tempestiva sulla base delle analisi dei dati raccolti. A giugno il progetto potrebbe essere tra quelli selezionati dall’Asur per l’accesso ai fondi europei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA IL CORRIERE ADRIATICO
Precedente Monteprandone, chiesa in lacrime per l'ultimo saluto a Romina Ricci Successivo Musica mondiale in lutto, è morto Prince