Fabriano – Terminal dei bus, i commercianti da Paglialunga

piazzale matteotti

– FABRIANO – FACCIA A FACCIA stamane in Comune dove l’assessore al commercio Mario Paglialunga per la prima volta si confronterà con i commercianti di piazzale Matteotti sul piede di guerra dopo la decisione di spostare il capolinea dei bus urbani dalla sede del piazzale al nuovo Terminal di via Bellocchi. «Senza bus – afferma Franco Gagliardini, titolare degli storici ‘Magazzini 2G’ – la nostra zona rischia di desertificarsi, almeno che si sfrutti quello spazio ormai pressoché inutilizzato per trasformarlo in parcheggio per le auto». E poi le altre rimostranze. «Non c’è solo questo a far sì che la via perda afflusso. Più che altro non capiamo per quale motivo a piazzale Matteotti non ci sia più la fermata dei bus extraurbani, le cosiddette corriere, che collegano Fabriano con le città limitrofe. La fermata è stata spostata nei pressi dell’ospedale Profili, peraltro in un’area non attrezzata e dunque in caso di pioggia i disagi per gli utenti sono evidenti». DA QUI, DUNQUE, la richiesta di cambiare qualcosa perché il piazzale torni ad avere una sua identità. «Urge ripristinare la fermata dei pullman extraurbani, ma se così non fosse, allora sarebbe logico trasformare l’attuale area di sosta dei bus ormai quasi inutilizzata in parcheggi. Del resto i bus urbani effettuano una sosta brevissima e per tutto il resto del tempo l’area è inutilizzata». Sulla questione interviene anche il presidente cittadino di Confcommercio Mauro Bartolozzi, secondo cui «quello di piazzale Matteotti è l’ennesimo esempio di una città che continua a commettere gli stessi errori, ovvero affidarsi a decisione estemporanee. Servirebbe, invece, un vero piano del commercio in sinergia con un progetto parallelo per traffico e viabilità per consentire di muoversi all’interno di una vera pianificazione». Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

Precedente Fano, camion perde il carico e prosegue Traffico in tilt all'uscita della superstrada Successivo Bracco,Albero e Palazzo storia del Paese