Fabriano – Unioni civili: registro ‘vuoto’ dopo 15 mesi

registro unioni civili

FABRIANO – RESTA VUOTO in Comune il registro delle unioni civili, aperto anche alle coppie gay, a quindici mesi di distanza dalla sua istituzione. Proprio in questi giorni in cui a livello nazionale il dibattito politico è fortemente incentrato sul decreto legge Cirinnà, da Fabriano arriva un riscontro per certi versi sorprendente, tanto che a oggi ancora nessuna coppia si è iscritta al registro. Eppure in città si era giocato fortemente d’anticipo, tanto che a novembre 2014 il consiglio comunale decise varare il provvedimento battendo di gran lunga sul tempo il governo Renzi. Fu un voto estremamente controverso con il sindaco Sagramola che esternò la sua contrarietà di fondo e l’Udc a defilarsi dalla maggioranza di cui fa parte, al punto da far divenire determinante per l’approvazione il consenso di forze di opposizione come Sel, 5 stelle e Polo 3.0. Sembrava, insomma, l’inizio di un percorso di partecipazione che però non c’è stato, visto che quindici mesi dopo né coppie etero, né gay hanno deciso di aderire e sfruttare una serie di agevolazioni. Tra i sette articoli delle due pagine del regolamento spicca infatti il passaggio riferito alla volontà di «estendere alle coppie unite civilmente i benefici riconosciuti a quelle coniugate in materia di casa, scuola, politiche per giovani e anziani». Dunque una vera e propria omologazione, visto che in un altro paragrafo si legge come «chi si iscrive al registro è equiparato al parente prossimo del soggetto con cui è iscritto, anche ai fini della possibilità di assistenza». Diritti e doveri che si intrecciano per amori a quel punto non più invisibili e anche la possibilità di rilasciare da parte del Comune un documento attestante la convivenza su richiesta della coppia. Quanto all’iscrizione può avvenire esclusivamente sulla base di una domanda presentata in forma scritta al Comune in modo congiunto: il modulo per l’autocertificazione è sempre disponibile nel sito web piazzalta.it.

Precedente Rete monitoraggio lupo nelle Marche Successivo Monte Roberto, una madre s'impicca L'ultimo Sms al marito: "La faccio finita"