Fabriano – «Vengono prima gli italiani» E il sindaco bacchetta Pariano

pariano sagramola

 

– FABRIANO – SCONTRO istituzionale tra il sindaco Giancarlo Sagramola e il presidente del consiglio Giuseppe Pariano mai così ai ferri corti. A far impennare la tensione è l’ordine del giorno di Pariano incentrato sul sostenere economicamente i fabrianesi prima degli stranieri che innesca la richiesta del primo cittadino di ritirare subito il documento. «Non lo farò», la risposta del presidente dell’assise in merito all’argomento inserito nell’elenco della seduta di domani pomeriggio (si comincia alle 18) anche se difficilmente si arriverà alla discussione e la votazione del punto tra gli ultimi in scaletta. IN OGNI CASO il sindaco non ci sta e bacchetta deciso Pariano che è anche consigliere comunale di maggioranza. «Per quanto mi riguarda – sostiene Sagramola – l’atto va ritirato prima di essere dibattuto e andare al voto. Pariano ha firmato questo documento come presidente del consiglio, ma deve ricordarsi che la sua è una carica istituzionale e che rappresenta il Parlamento cittadino. Proprio per questo motivo avrebbe dovuto parlare di certe proposte con il sindaco e i consiglieri, invece non c’è stata alcuna concertazione. E poi la sua è una proposta che va nella direzione totalmente opposta rispetto alla politica dell’accoglienza regolamentata portata avanti da questa amministrazione, come dimostrano i lavori socialmente utili effettuati ormai dai diversi giorni dai migranti ospitati in città, a cominciare dalla pulizia dei giardini pubblici e di altre aree». Ma Pariano ribatte annunciando che non ci saranno passi indietro. «Non ritirerò la proposta – afferma – semplicemente perché nella mia richiesta non c’è alcunché di razzista. Nel testo è riportato chiaramente che i fondi da destinare ai fabrianesi in difficoltà non sono in sostituzione di quelli ai richiedenti asilo. A nessuno, insomma, verrà sottratto nulla, si tratta solo di avere parità di trattamento». IN OGNI CASO la temperatura politica in maggioranza torna ad alzarsi dopo che un mese fa furono il Pd e l’Udc a bacchettare pubblicamente il sindaco sugli equilibri interni della coalizione. Il nuovo caso-Pariano (qualche mese fa uscito dal Pd pur rimanendo a sostengo dell’alleanza di centrosinistra) finisce anche nel mirino dell’opposizione, tanto che l’esponente di Sel Emanuele Rossi ha appena presentato un’interrogazione per chiedere al sindaco se esistono i presupposti per revocare l’incarico di presidente del consiglio comunale assegnato ad inizio legislatura. Notizia riferita da Alessandro Di Marco sulle pagine del Resto del Carlino

Precedente Bimba morì a 16 mesi, rinviati a giudizio due pediatri del Mazzoni Successivo Bimba morì ospedale, 2 medici a giudizio