Fabriano – Via Filzi assediata dai lavori e dai rifiuti

Fabraino – Via Fabio Filzi assediata dai lavori di rifacimento del pavimento e dalla “monnezza”. Iniziamo dalla pavimentazione: da entrambe i lati d’ingresso, quello di via Cialdini e Antonio Fratti, è circondata da cartelli di divieto di sosta, dai mezzi (bob cat, piccoli camion, escavatori, compressori ecc.) adibiti ai lavori e dai relativi rumori di cantiere. Inoltre sul lato fiume sono in corso i lavori di scopertura del fiume Giano, oggi poco più di un ruscello che scorre parallelo a Via Filzi. Qui operano grandi scavatori dotati di martello demolitore e da ruspe con pale che raccolgono il materiale di cemento armato che costituisce la copertura. Un terremoto continuo per i residenti e le attività di via Filzi, condito da questa monotona colonna sonora perpetua dei motori dei mezzi appena citati. Polvere, rumore, disagi per i mancati parcheggi ma cosa ancor più grave il disastro dovuto alla raccolta dell’immondizia: porta a porta. Questo comporta una situazione igienica insostenibile, ossia un giorno si raccoglie la plastica, un altro la carta, un altro ancora il vetro per arrivare a quella dell’organico. Ciò significa che per tantissimi ore questi materiali rimangono in bella vista (valorizzazione turistica del centro storico e del costruzione del Parco del Giano) lungo la via e nel parcheggio dove AnconaAmbiente non consente di mettere almeno un cassonetto per il vetro, plastica e tutto il resto della differenziata, evitando di mandare in scena uno scempio puzzolente quanto indecoroso. I residenti stanno facendo pressione sull’Amministrazione che demanda la richiesta di porre almeno un contenitore giallo, bianco, verde e grigio ad AnconaAmbiente. Soluzione semplice e diretta che porrebbe fine a questo scempio per gli occhi e il naso. Per ora ci fermiamo qui, ma certo continueremo a seguire molto da vicino la incredibile vicenda.

DANIELE GATTUCCI

Precedente LIBRO D'ARTE IN DVD DI IACOMUCCI - a cura della dott.ssa Patrizia Minnozzi Successivo Morrovalle, viaggia in superstrada appare una pecora e la travolge