Fabriano. Whirlpool – Indesit, quanto costa la fusione – di Monia Orazi

Esther-Berrozpe-WP-1

Whirlpool sul podio d’Europa, dopo l’acquisizione di Indesit. Mentre a Chicago i vertici della multinazionale americana degli elettrodomestici annunciano grandi progetti per il 2018, a Fabriano e dintorni ci si interroga su quale sarà il futuro della storica azienda.

L’integrazione tra le due realtà è già iniziata, fuori i primi venti dirigenti Indesit, mobilità per altri trenta delle fabbriche Whirlpool, a Varese e Cassetta. Scatta la preoccupazione tra i dipendenti e le rappresentanze sindacali. “Rimangono le incertezze sul futuro assetto derivante dalla integrazione dei due gruppi – scrivono i sindacati in una nota – si chiede con forza alla nuova proprietà il rispetto degli impegni presi e la rottura dell’assordante silenzio che aleggia negli ultimi mesi, con il confronto in sede istituzionale, per diradare la nebbia dell’incertezza e della tensione che aleggia tra i lavoratori”.

(CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO DI MONIA ORAZI)

[Credits immagine: Il presidente Whirlpool Emea, Esther Berrozpe, su: mea.whirlpool.com]

________________________________________________________________________

Autore
Classe 1976, è una giornalista freelance che vive e lavora nelle Marche dove approfondisce temi di attualità imprenditoriale legati alle dinamiche economiche e ambientali del territorio di riferimento. Collabora con Corriere Adriatico e Cronache Maceratesi. Il suo motto è “memento audere semper”.
FONTE ARTICOLO http://www.informazionesenzafiltro.it/
Precedente Addio a Momo Piccinini: una vita tra banca, cinema e oleificio Successivo Blitz della Finanza: tre persone in manette