Faccia a faccia col ladro in camera: a 87 anni riesce a metterlo in fuga

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Tolentino (Macerata), 11 novembre 2015 – Una coppia di anziani viene svegliata dai rumori del ladro nell’aprire il comò: lei, 80enne e allettata, pensa sia l’ombra della figlia, mentre lui, 87enne, appena si accorge che si tratta in realtà del balordo, grida, lo insegue e si mette a cercarlo. Finché il malvivente si arrampica su un muretto di quattro metri e fa perdere le proprie tracce, con un bottino di circa 500 euro, 300 euro di contanti (con cui i due vecchietti avrebbero pagato lo spazzacamino) e un paio di orologi.

È successo nei giorni scorsi in un’abitazione di viale Vittorio Veneto, verso le 20. La coppia aveva mangiato presto, verso le 18.30, e si era messa a letto, in attesa della consueta visita della figlia di lei. Avevano già chiuso gli occhi quando hanno sentito strani rumori in camera. Il malvivente, nel tentativo di aprire il cassetto, li ha svegliati e i due ottantenni hanno iniziato a parlare tra loro chiedendosi se nella stanza ci fosse la figlia. Appena il balordo si è accorto di averli destati, è scappato giù per le scale. Si sarebbe introdotto in casa scavalcando la ringhiera e passando da una porticina sul retro, in giardino, trovata aperta. Quindi, senza lasciare segni di effrazione, avrebbe girato indisturbato per le camere, sia al primo che al secondo piano.

Ha arraffato tutto il denaro trovato fino a quando i due anziani non si sono accorti della sua presenza. Quando la figlia è arrivata in casa della madre, ha trovato il compagno 87enne per le scale sotto choc che gridava: «È ancora qui, è ancora qui». Allora insieme hanno immediatamente chiamato il 112 e si sono messi a cercare il ladro, accendendo tutte le luci del giardino.

Ma l’agilità del balordo, molto probabilmente giovane, gli ha permesso di arrampicarsi di nuovo sul muro e di scappare. Anche i carabinieri hanno continuato a cercarlo in tutto il quartiere, ma non c’era più traccia. Gli anziani hanno sporto denuncia contro ignoti, perché l’individuo è stato visto solo di spalle, malgrado non indossasse il passamontagna. Tanta ora è la paura della coppia. «Hanno già installato un sistema d’allarme, chiudono sempre porte e finestre e si sono mossi per avere un cane in giardino, che arriverà a breve – dice la figlia –. Da allora sono ossessionati, si allarmano per ogni minimo rumore. Potevano morire di paura col ladro in camera. Senza considerare che mia madre è invalida e non può camminare. In casa loro non c’è più niente, speriamo siano lasciati in pace». Due anni fa, sullo stesso viale, era stata rubata l’auto di Comi senior, l’ex sindaco.

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Omicidio Ancona: Gip, 16/enne in carcere Successivo Il disastro dei sottopassi, «È meglio chiuderli»