Falconara, sente il vagito di un neonato nel cassonetto ma è solo una bambola a batteria

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Falconara (Ancona), 11 gennaio 2015 – “Aiuto, c’è un neonato nel cassonetto, venite subito!”. L’allarme, attorno alle 23 di sabato, è stato lanciato da un residente di Falconara, che stava portando a spasso il cane in via della Palombina Vecchia. Arrivato all’altezza del civico 1 ha sentito insistenti vagiti provenire dal cassonetto degli indumenti usati ed ha subito chiamato i soccorsi. Forze dell’ordine e soccorritori si sono mobilitati e in via della Palombina Vecchia sono arrivati due pattuglie dei carabinieri, un mezzo dei vigili del fuoco ed un’ambulanza. Le operazioni di soccorso sono andate avanti per diversi minuti, perchè non si riusciva ad aprire il cassonetto. Minuti preziosi che hanno tenuto tutti con il fiato sospeso.

A un residente è stato chiesto di portare un frullino ma quando l’uomo è arrivato con l’attrezzatura l’allarme era già rientrato. I soccorritori erano infatti riusciti a recuperare la fonte dei ‘vagiti’: una bambola a batteria che riproduceva fedelmente il pianto di un neonato. Tanti i residenti che nel frattempo si erano radunati in strada. In molti hanno notato come, nonostante la situazione si fosse prospettata molto grave, sul posto non fosse arrivata l’auto medica, che dal primo dicembre è in servizio a Chiaravalle nelle ore notturne.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente L'assassino della porta accanto pronto alla fuga dopo il massacro Successivo Vendevano telefonini e accessori auto 'fantasma' online: denunciati