Falerone, venerdì Gaia de Laurentiis porta in scena Lisistrata

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Falerone (Fermo), 7 luglio 2015 – Venerdì 10 luglio il Teatro Romano di Falerone farà da cornice alla rappresentazione di Lisistrata, allestita da Gaia De Laurentiis e Stefano Artissunch, che si occupa anche della regia. Lo spettacolo prenderà parte alla rassegna regionale di teatro classico Tau / Teatri Antichi Uniti, 18esima edizione, promossa dai Comuni di Ascoli Piceno, Corinaldo, Falerone, Macerata, Monte Rinaldo, Osimo, Pesaro, San Severino Marche, Urbisaglia, Regione Marche, Amat e Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche.

Lisistrata si presenta come un affascinante viaggio nella poetica di Aristofane, uno tra i maggiori commediografi del teatro classico. La particolarità della messa in scena è la connessione tra cabaret e burlesque. Tale connessione viene messa in evidenza in musiche, atmosfere e costumi. Nella storia, la guerra non fa da sfondo alla commedia, ma la penetra in tutta la sua drammaticità divenendone protagonista.

Lo spettacolo è un omaggio a tutti i caduti per la Patria che, in tutte le guerre per la bandiera, non hanno esitato a sacrificare in silenzio la propria esistenza nella speranza di un domani migliore. Il fulcro e filo conduttore del racconto è Lisistrata, che con lo stratagemma dello sciopero del sesso ricatta i guerrieri Spartani ed Ateniesi a trattare la pace per porre fine alla guerra del Peloponneso. Proprio questa sua fermezza ed arguzia favoriscono il gioco comico, ma anche polemico e riflessivo nella commedia. Lisistrata non è solo la macchina motrice che convince le altre donne ad attuare lo sciopero del sesso, ma anche l’emblema del pacifismo e dell’uguaglianza tra i sessi.

Visivamente tutto il fantastico di Aristofane viene restituito sia nella scelta dell’allestimento, sia nell’utilizzo di pupazzi e fantocci, che rafforzano l’onirico della scena interagendo drammaturgicamente con i protagonisti. In tal modo l’arte del teatro diventa magia, capace di rievocare figure di corpi, musiche, parole ed immagini come strumenti per esplorare l’animo umano.

Completano il cast dello spettacolo – prodotto da Danila Celani per Synergie Teatrali – Stefano Tosoni, Gian Paolo Valentini e un coro di 14 pupazzi.

Biglietto posto unico 15 euro. Per informazioni Associazione Culturale Minerva 333 5816389, Comune di Falerone 0734 710750, AMAT 071 2072439. Biglietteria presso il Teatro Romano dalle ore 20.30. Inizio spettacolo ore 21.30.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Saltarua, venerdì arriva Tricarico Successivo Palpeggia una ragazza. Arrestato un 27enne di Fabriano in Umbria