Fano: rissa sugli spalti dopo Alma Juventus – Sambenedettese

Il Borghigiano pesaro urbino notizie
Fonte www.pesarourbinonotizie.it

Certi gesti nel mondo dello sport non si dovrebbero verificare“. Questo il commento della società granata dopo l’aggressione subita dal vice presidente Stefano Cordella da parte del dg della Sambenedettese Giovanni Piccoli. Un pugno al volto sferrato al termine della partita di Coppa Italia vinta domenica 24 agosto dall’Alma Juventus Fano per 3 a 0.

Avremmo evitato molto volentieri di ritornare sul grave episodio ma, in considerazione del fatto che in questi ultimi minuti sono comparse su internet ( http://www.mondosamb.it/2014/08/25/leo-bollettini-i-dirigenti-del-fano-hanno-aggredito-quelli-della-samb/ ) versioni sull’accaduto da parte sambenedettese totalmente lontane dalla realtà dei fatti, ci sembra doveroso fornire la reale ricostruzione che può essere confermata da una lunga serie di testimoni che hanno assistito alla scena.

A fine partita il presidente dell’Alma Juventus Fano Claudio Gabellini e quello della Sambenedettese Giovanni Moneti stavano parlando privatamente, anche se in un contesto pubblico, di situazioni assolutamente extra calcistiche ed extra partita. In particolare Gabellini faceva presente una serie di attività, queste sì antisportive, messe in atto continuamente dal sig. Giovanni Piccoli contro l’Alma Juventus Fano e i suoi dirigenti. Quest’ultimo, captata la situazione, non ha trovato meglio da fare che dirigersi verso Gabellini con fare minaccioso e arrogante e offenderlo pesantemente. A quel punto il vice presidente dell’Alma Stefano Cordella si è avvicinato a Gabellini temendo un gesto sconsiderato da parte di Piccoli che, senza tante parole, ha colpito con un colpo al volto Cordella, facendolo cadere pesantemente a terra. Il vice presidente dell’Alma è stato poi trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Santa Croce dove è stato sottoposto ad una serie di accertamenti e ritenuto guaribile con una prognosi di 15 giorni.

da: Alma Juventus Fano

Precedente Sindaco rinuncia stipendio e apre asilo Successivo Tornado, si allungano tempi esame Dna