Fermo, allarme microcriminalità: «Tornino i vigili urbani di quartiere»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo 14 aprile 2015 – «Contro il dilagare della microcriminalità torni in servizio il vigile di quartiere». E’ la richiesta lanciata da Ennio Viozzi, segretario dell’Associazione Commercianti di Fermo e Circondario anche a nome di Confcommercio e Confesercenti. L’appello arriva dopo gli ultimi episodi che hanno visto teatro di scorribande (forti, danneggiamenti, risse, ecc.) Campiglione di Fermo e Lido Tre Archi. «Da anni cerchiamo di sensibilizzare l’Amministrazione comunale su questa iniziativa, ma abbiamo sempre trovato le porte chiuse. Oggi ci rivolgiamo al Commissario prefettizio, in attesa che Fermo elegga il nuovo sindaco, perché venga incontro alle nostre richieste. In passato ci hanno detto che l’organico è ridotto all’osso, che non ci sono risorse. Noi ribattiamo sostenendo che basterebbe qualche vigile in meno dentro gli uffici – dice con forza Viozzi – qualche altro in meno impegnato in operazioni di repressione al Codice della strada, messe in atto solo per fare cassa a danno dei cittadini che non arrivano più a fine mese, per sopperire alla carenza di organico».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Va fuori strada e capotta, ferita una giovane alla guida Successivo Addio a Ciavarini, il mugnaio-ristoratore