Fermo, operai uccisi, Ciferri al giudice: «Mi sono difeso da un’aggressione»

IL BORGHIGIANO
Fonte il Messaggero Marche –
Il Borghigiano Il Messaggero
FERMO – «Mi sono difeso da un’aggressione». È quanto Gianluca Ciferri, l’imprenditore edile di Fermo che il 15 settembre ha ucciso a colpi di pistola due suoi ex operai kosovari, Mustafà Nexhmedin e Avdyli Valdet, che reclamavano il pagamento di circa 16mila euro di stipendi arretrati e altra 4mila in nero, ha detto oggi al Gip Marcello Caporale, durante l’udienza di convalida dell’arresto. 

Precedente Scadenza prima rata Tasi, apertura straordinaria degli sportelli comunali Successivo "Sporcizia e degrado nell'area del parcheggio"