Festa del Duca a Urbino, tre giorni da capogiro

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Urbino, 5 agosto 2015 – Dal 14 al 16 agosto torna la Festa del Duca di Urbino, arrivata alla 34ª edizione che sarà dedicata ai rapporti di Federico da Montefeltro con l’Inghilterra.

«Il 14 agosto daremo il via alla festa con la rievocazione dei festeggiamenti per Federico da Montefeltro che nel 1474 ottenne l’onore ducale e dal re Edoardo IV venne insignito dell’Ordine della Giarrettiera – ha spiegato Rosanna Cipriani Saltarelli, presidente dell’Ars che organizza la manifestazione –, poi ci sarà il torneo della Cortegianìa con la gara di tiro con l’arco tra le contrade con gli arcieri della compagnia Aquile Ducali; il sabato ci sarà la Notte del Duca, con tantissimi spettacoli e alle 17,30 il trofeo “Marco Risi” di tiro con l’arco, il Torneo di tamburi, la Caccia al Teshorror; la domenica il gioco dell’Aita, con giovani e adulti, a Borgo Mercatale alle 21».

Il programma dei tre giorni è da capogiro perché la manifestazione «è stata praticamente raddoppiata per quello che riguarda gli eventi, gli spettacoli, le iniziative, gli allestimenti sui quali ci siamo impegnati davvero tanto», ha assicurato l’assessore al Turismo del Comune di Urbino Francesca Crespini.

Tutto il centro storico, questa volta a partire dall’inizio di via Matteotti e dal piazzale Roma, sarà occupato da attività della festa: dagli anni ‘90 non si vedeva più e quest’anno sarà riproposta la fiera del Duca, in un anello che andrà da via Mazzini a Borgo Mercatale e risalendo per il torrione di Santa Caterina proseguirà in via Matteotti e Corso Garibaldi.

Gli allestimenti saranno ancor più ricchi e curati in tutta la città e il tema scelto sarà quello della frutta rinascimentale, cui sarà dedicato un apposito mercatino in via Battisti.

In tutte le vie ci saranno gli artigiani del mercato storico con i mestieri antichi e le dimostrazioni, e poi gli spettacoli di giocolieri, giullari, combattenti, magìa, musica, teatro, danza, si troveranno in tanti angoli della città.

E' dura la sfida nel gioco dell'Aita

La dura sfida dell’Aita

Per tutti i 3 giorni, oltre alla mostra mercato, laboratori, 20 osterie per gustare i piatti rinascimentali riadattati, laboratori di tiro con l’arco, una campo d’armi, parco giochi rinascimentale per bambini, la stanza delle Cortigiane, il cinema storico e inglese.

Inoltre, saranno aperte le mostre: “La libraria” dell’accademia di Belle arti, “I sogni che volano. L’inchiostro nel segno” della stamperia d’arte Albicocco, “Le trame del Rinascimento”.

Alla Data ci sarà una vera festa, dal 10 al 18 agosto, una mostra della ceramica della provincia e del Montefeltro, con la partecipazione di tante associazioni, l’esposizione delle ceramiche particolari del premio Sgarzini, degli Amici della Ceramica di Urbania e artisti che faranno dimostrazioni coinvolgendo i cittadini e i turisti. Sono previsti due laboratori aperti a tutti: uno di decorazione e uno di manipolazione delle argille. Prendendo spunto da quest’ultimo nasce l’idea gastronomica di Raffaele De Feo che sarà proposta nel Bistrot».

Il “Palio della Cortegianìa” e la rievocazione storica “L’onore di un re” sono in programma in apertura il venerdì dalle 20,45, il trofeo “Marco Risi” di tiro con l’arco, il Torneo di tamburi, la Caccia al Teshorror il sabato in cui si svolgerà la Notte del Duca; il gioco dell’Aita, con giovani e adulti, la domenica alle 21.

Info, www.urbinofestadelduca.it

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ubi Pop. Ancona, 13 mln utile semestre Successivo Civitanovese, sfuma la serie D. L’ipotesi del ricorso