Figli negati al padre, condannata madre americana

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 5 dicembre 2014 – Per il Tribunale deve riavere i figli peccato che loro siano negli Stati uniti con la madre che nonostante l’ordine del tribunale che affidava i figli al marito, aveva preso i bambini ed era partita per New York. Ovviamente non è più tornata in Italia

Non si è arreso però il marito, un uomo di Ascoli Piceno, che ha intrapreso la battaglia legale per riavere i figli in Italia e ha denunciato l’ex moglie. L’americana è stata processata in contumacia per sottrazione internazionale di minore all’estero. Oggi il giudice Marco Bartoli l’ha condannata a due anni e mezzo di reclusione e al pagamento di una provvisionale di 100 mila euro in favore dell’ex marito. Dopo la separazione consensuale il giudice aveva affidato i figli alla madre.

“Nel 2012 abbiamo però chiesto di rinegoziare i termini della separazione, ma pochi giorni prima dell’appuntamento concordato, la signora ha preso i due bambini e da Fiumicino è volata con loro a New York, ha detto l’avvocato Carlo Grilli.

Abbiamo fatto leva sulla Convenzione dell’Aia del 1980 e denunciato il fatto alla Procura”. Nel frattempo il tribunale di Ascoli ha rivisto i termini della separazione affidando i figli al padre. “È stato anche disposto l’obbligo di riportarli in Italia, ma la giustizia americana non lo ha consentito. Speriamo che questa sentenza – ha concluso il legale – spinga anche i tribunali statunitensi a intervenire perché i ragazzi tornino dal padre, così come la legge italiana ha stabilito”.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Vaccini, campagna Marche prosegue Successivo FABRIANO – Quadrilatero, Mucilli: lavori nei tempi previsti