Forza Italia Giovani: «Troppi furbetti non pagano il biglietto sui bus Start»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 9 gennaio – «Ancora ad oggi, nonostante le innumerevoli segnalazioni, non si riesce a risolvere il problema degli autobus Start sulla tratta Ascoli-San Benedetto e viceversa, dove a pagare sono solo giovani studenti con abbonamento e lavoratori pendolari».

E’ la denuncia del coordinamento provincia Forza Italia Giovani. «È ormai consuetudine tra i furbetti, in particolare extracomunitari – prosegue la nota – scegliere la Start per spostarsi sulla vallata del Tronto poiché ritenuta priva di controlli; addirittura è surreale che chi regolarmente paga, trova quasi sempre l’autobus pieno ed è impossibilitato a sedersi. Tra l’altro, alcuni, percorrono l’intera tratta da Ascoli a San Benedetto acquistando solo il biglietto a tratta 1 (giusto per precauzione, tanto si sa…nessuno controlla!)».

«Negli ultimi giorni diversi fruitori del servizio, soprattutto giovani, hanno denunciato bus sporchi, non puntuali e sovraffollati. Ci chiediamo, se tutti pagassero sarebbe ancora così?».

Dalla denuncia dei disservizi alla polemica politica: «Cosa sta facendo – dicono i giovani azzurri – l’attuale cda di sinistra tanto sensibile alle problematiche sociali e giovanili? Il precedente consiglio d’amministrazione tentò di arginare il problema attraverso l’installazione di tornelli, autorizzati sia dal Ministero dei trasporti e sia dalla locale motorizzazione civile. Dove sono i pullman dotati di tornelli? Perché non vengono fatti funzionare? Ci auguriamo che per far fronte al sovraffollamento nei bus non si adotti l’ipotesi di nuove corse che creerebbero solo ed esclusivamente nuovi non paganti e soprattutto nuovi costi per la società di trasporto. Siamo invece convinti che solo attraverso l’utilizzo dei tornelli, e un controllo programmato e costante, si possa restituire la piena fruibilità per gli aventi diritto che pagano il servizio».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Da Enrico Rava a Roberto Gatto e Fabrizio Bosso. Il gotha del jazz a Macerata Successivo Beethoven e il classicismo viennese nel 2016 della Filarmonica marchigiana