Fritto misto all’ascolana

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 22 novembre 2015 – Abbiamo aperto il calderone della Start e ci abbiamo trovato un po’ di tutto. A partire dal clientelismo all’ascolana, ovvero un fritto misto in cui tanti potevano spizzicare. La società di trasporti regalava soldi come fossero gadget: spesso piccole cifre con cui si accontentava una platea vastissima di persone e associazioni. Pubblicità, sponsorizzazioni e consulenze erano i mezzi attraverso cui far uscire denaro in mille rivoli, che messi insieme sono diventati un fiume in piena di sprechi.Finchè gli amministratori hanno cominciato a chiudere rubinetti.

Troppo tardi, perché nel frattempo i bilanci sono andati in profondo rosso. Poi c’erano i politici stipendiati in modo discutibile ma legittimo. C’è anche il caso del maxi ammanco causato dall’agenzia Cameli, scandalo esploso ormai da mesi. E qui non c’è niente di legittimo. Oggi iniziamo a raccontare cosa è successo in tutti questi anni partendo da un’intervista al notaio Pietro Caserta, che da poco più di un anno ha assunto la guida della Start. E nei prossimi giorni andremo avanti. Seguiteci, perché nel calderone della Start c’è davvero di tutto

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente La brutta pagina della politica Successivo Team Calcinaro al secondo step