Funerali del piccolo Francesco morto di meningite, l’intero paese si commuove

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Orciano (Pesaro Urbino), 29 gennaio 2015 - Una nuvoletta di palloncini bianchi liberati verso il cielo e un applauso lunghissimo, commosso, struggente, hanno dato oggi pomeriggio l’ultimissimo saluto (FOTO) terreno al piccolo Francesco Maraschi, il bimbo di 10 anni e mezzo di Orciano stroncato domenica mattina, nel giro di pochissime ore, da una rara forma di meningite fulminante contro la quale i medici dell’ospedale Santa Croce di Fano hanno lottato facendo tutto il possibile, senza riuscire a salvare questa giovanissima vita.

I palloncini erano quelli che hanno preparato i suoi amichetti dell’oratorio, ciascuno dei quali aveva attaccato un pensiero, una frase tenera per “Cesco”, come lo chiamavano affettuosamente i compagni; e l’applauso è stato quello di un intero paese, che si è letteralmente fermato per esprimere la propria vicinanza alla mamma di Francesco, Roberta, al babbo Gianluca, al fratello Matteo, alla sorella Michelle, ai nonni materni Giuseppe e Marzia e al nonno paterno Enrico.

La grande chiesa parrocchiale di San Cristoforo, dove alle 15 è iniziato il rito funebre celebrato da don Mirco Ambrosini, non è stata sufficiente a contenere tutti: più di mille persone. E in mezzo alla folla, tanti, tantissimi coetanei di Franci: oltre ai compagni di quinta elementare, i suoi amici di calcio appartenenti all’Asd Della Rovere (Francesco giocava da attaccante nella squadra “Pulcini”) vestiti con la divisa di sociale, quelli di piscina e del catechismo, molti dei quali non ce l’hanno fatta a trattenere le lacrime. Rivolgendosi a loro, ai genitori del piccolo Maraschi e all’intera comunità, don Mirco ha detto: “Francesco è nell’abbraccio di Gesù vivo. La morte non ha alcun potere su di lui”. 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ascoli, si infittisce il mistero sul ragazzo dilaniato dal treno a Senigallia Successivo Ancona, Torrette in tilt: a marzo gli interventi minori a Chiaravalle