Fuori strada con l’auto: si schianta contro un albero

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 10 gennaio 2016 – Nel cuore della notte, forse per un colpo di sonno, un automobilista ha perso il controllo della vettura che stava guidando ed è finito addosso a un’acacia: auto semidistrutta, mentre lui se l’è cavata con qualche ammaccatura di poco conto. Tutto sommato è andata bene al 40enne italo-argentino, protagonista della disavventura.

Alle 2 stava percorrendo al volante della sua Hyundai I10, in territorio di Civitanova Alta, la strada provinciale «Le Vergini» in direzione di Montecosaro (è verosimile che stesse rientrando a Morrovalle, dove risiede) quando è finito fuori strada all’altezza di una semicurva.

Il fondo stradale era asciutto (ha cominciato a piovere qualche minuto dopo) né ci sarebbe il concorso di altri automobilisti nell’incidente. Procedendo dritto per dritto, l’utilitaria ha centrato in pieno, col muso, un’acacia posta un metro oltre la carreggiata. Fortuna ha voluto che l’uomo indossasse la cintura, che l’airbag facesse il suo dovere e che non ci fossero passeggeri a bordo. Pazienza se l’utilitaria, immatricolata appena 6 mesi fa, è rimasta seriamente danneggiata. Sofferente solo di qualche contusione lieve, il morrovallese è sceso dall’abitacolo con le sue forze e ha chiamato subito i soccorsi.

Sul posto si sono concentrati i vigili del fuoco, l’ambulanza della Croce Verde e una pattuglia della Polizia stradale di Porto Recanati. I pompieri hanno provveduto a mettere in sicurezza la Hyundai e a tagliare la pianta, spezzatasi in seguito al violento impatto subito. Il loro intervento s’è protratto per poco più di un’ora. Scarso lavoro invece per il personale del 118, visto che l’uomo ha rifiutato il trasporto all’ospedale assicurando tutti di sentirsi bene e di non avere comunque bisogno di cure particolari.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fermo, bruciano le sterpaglie nella notte Legnaia in fiamme in contrada Salette Successivo Monte Urano, falchi e poiane contro i piccioni del centro storico