Furti, cittadini coalizzati. Ecco il gruppo di vicinato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 10 aprile 2016 – «L’indifferenza porta alla morte. Con la solidarietà tra vicini, invece, si può fare molto contro il crimine. Basta poco». L’associazione «Controllo del vicinato» scende in campo anche a Macerata. Si è svolto venerdì sera, nella chiesa di via Pace, l’incontro dedicato ai cittadini, organizzato dagli stessi volontari dell’associazione Paolo Ruotolo, di Macerata, e Domenico Bevilacqua, di Civitanova i quali, dopo aver spiegato in cosa consiste il progetto, hanno raccolto le adesioni. Il tutto è completamente gratuito.

«Il controllo del vicinato – spiegano i volontari – è, innanzitutto, prevenzione. Dobbiamo uscire dalla logica dell’emergenza. Una volta che il ladro è entrato in casa il danno è fatto, non tanto quello materiale quanto quello psicologico. La persona si sente violata. E in caso di truffa ad anziani poi, spesso le vittime non si riprendono dal colpo. Sono stati raggirati, si sentono stupidi. Molti si ammalano per questo. Bisogna quindi agire prima, prendendo semplici precauzioni».

Alla base dell’associazione ci sono studi criminologici. È stato dimostrato che nelle zone dove è attivo il controllo del vicinato, gli episodi criminali sono diminuiti in poco tempo drasticamente. «Niente eroismi, niente ronde – precisano Bevilacqua e Ruotolo –, i volontari non si sostituiscono alle forze dell’ordine, ma collaborano con loro. Fondamentale è scambiarsi i contatti tra vicini e istituire una catena telefonica, in modo che tutti i residenti possano essere avvisati di movimenti sospetti in tempo reale».

Nei quartieri che aderiscono, sono apposti cartelli con scritto «Zona di controllo del vicinato». «In questo modo – sottolineano i volontari –, i malviventi sanno che lì i residenti sono attenti. Sanno di essere osservati. Abbiamo già preso accordi con la Prefettura. Lanceremo anche la proposta della festa dei vicini, occasione in cui si mangia insieme su tavoli disposti in strada, ci si conosce. E il vicino non è più un estraneo». Info: www.controllodelvicinato.it o Facebook «Associazione controllo del vicinato». È attiva anche una app, «Civitatis», scaricabile gratuitamente.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano- Successivo Scomparso da Carassai, auto trovata vicino al ponte sull’Aso