Furto al duomo, rubato l’anello del santo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 19 giugno 2015 – Colpo al duomo: rubati anello e crocifisso dalla reliquia di San Vincenzo Strambi. Bottino da 1.500 euro. Furto sacrilego quello messo a segno tra mercoledì sera e ieri mattina. Ad accorgersi di quanto accaduto è stata una fedele che ieri è entrata in chiesa e ha visto che dalla teca del santo mancava qualcosa. Così ha subito avvertito il custode, che quando aveva chiuso la sera prima non si era accorto di nulla. I ladri hanno preso l’anello che si trovava sulla mano destra del santo e il crocefisso che invece era appoggiato sul petto. Una volta scoperto il furto il custode ha avvisato il parroco, don Enzo Buschi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi.

L’aspetto strano è che non sono stati trovati segni di effrazione sulla pesante teca in cristallo che contiene la reliquia. È molto probabile quindi che ad entrare in azione siano stati più d’uno, agevolati dal fatto che la teca non è protetta da alcun sistema di allarme. Per aprirla hanno dovuto svitare dei bulloni, che poi sembra abbiano anche rimesso a posto, visto che la teca era perfettamente chiusa ieri mattina. Al momento sembra che i due pezzi rubati , forse risalenti agli anni ‘50, abbiano un valore complessivo di 1.500 euro.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ragazza chiede l'elemosina in ginocchio al mercato, si alza e si dà allo shopping Successivo Coldiretti, comincia trebbiatura grano