Giallo del cachet scomparso, Al Bano testimone in aula

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 4 dicembre 2014 – Nel maggio 2007 aveva cantato al matrimonio di due ragazzi osimani convinti da un amico di famiglia a versare 40mila euro per assicurarsi la presenza del famoso cantante.

Al Bano Carrisi in realtà aveva cantato l’Ave Maria in chiesa a titolo gratuito e oggi lo ha ribadito davanti ai giudici della Corte di Appello di Ancona, in un processo di secondo grado per truffa. Imputato l’amico di famiglia, accusato di essersi intascato il presunto cachet.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Raffica di furti, via libera della Prefettura alle telecamere per la frazione Luce Successivo Vigili del fuoco, 5.000 interventi Assegnati anche cinque premi