Fabriano – Gira le spalle e gli rubano il casco appoggiato sullo scooter

casco scooter

FABRIANO – «DA NAPOLI quindici anni fa sono venuto a Fabriano convinto che qui fosse una città sicura e accogliente: un tempo era così, ma oggi tutto è cambiato quanto mi è capitato poche ore fa purtroppo lo dimostra». Il 48enne R.B. ha preso quasi come una beffa del destino il fatto che nel pomeriggio di venerdì un ignoto ladro abbia rubato il suo casco che si trovava appoggiato sullo scooter parcheggiato davanti al negozio gestito dalla sua compagna. «Probabilmente – spiega – si è agito all’imbrunire, forse approfittando della poca luce, sta di fatto che chi ha compiuto questo gesto si è ‘sporcato’ per un oggetto molto datato e di ben poco valore. Non trovando più il casco, sono dovuto tornare a casa in motorino senza protezione al volto ed ho perfino rischiato di prendere la multa se qualche poliziotto mi avesse fermato. Sarebbe stata una beffa troppo grande per chi come me, pur avendo qualche problema fisico, ha sempre rispettato le regole». L’uomo non riesce a darsi pace proprio perché ormai nutre un forte affetto per quella che considera la sua città adottiva. «Mi spiace davvero che Fabriano sia così fortemente peggiorata sotto il profilo civico e sociale. Ricordo benissimo cosa mi accadde 15 anni fa quando arrivai qui per la prima volta. Lasciai la chiave sul cruscotto del motorino, me ne accorsi e andai per riprenderla quando una signora mi disse di non preoccuparmi, tanto a Fabriano nessuno ha mai rubato nulla. Allora forse era vero, oggi purtroppo è tutta un’altra storia».

resto del carlino

Precedente Marche: scatta la prima fase per accorciare le liste d'attesa Successivo Incendio all'Italpannelli, tutti i divieti per ragioni di sicurezza