Giù dal balcone di casa: grave una studentessa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 10 settembre 2015 – Era affacciata al balcone quando, per cause ancora in corso d’accertamento, ha perso l’equilibrio ed ha fatto un volo di otto metri prima di schiantarsi a terra. Il terribile incidente si è verificato nella tarda mattina di ieri in via Ceca Palomba, in contrada Madonnetta d’Ete, è a farne le spese è stata una studentessa di 23 anni, che vive con i genitori e i parenti in una villetta situata lungo la strada principale.

Era da poco passato mezzogiorno quando la ragazza stava trafficando in balcone per effettuare alcune faccende. Poi, non si sa ancora come e perché, si è sbilanciata ed è precipitata nel vuoto. L’impatto col terreno è stato violentissimo, ma sembra che la studentessa sia riuscita a riprendere momentaneamente il controllo del corpo e a cadere quasi in piedi. Questo ha permesso probabilmente di attutire il colpo, che, altrimenti, sarebbe stato mortale.

Ad accorgersi per prima dell’accaduto è stata la nonna della 23enne, che l’ha trovata riversa a terra ai piedi del terrazzo. La donna ha immediatamente allertato la sorella della ragazza, che ha lanciato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e della Croce Verde di Fermo che, vista la gravità della situazione, hanno chiesto il trasporto della giovane all’ospedale regionale «Torrette» di Ancona tramite eliambulanza. Giunta al pronto soccorso, la ragazza è stata immediatamente sottoposta ad una tac, con la quale sono stati riscontrati un politrauma e fratture in diverse parti del corpo. I medici, a livello precauzionale, non hanno ancora sciolto la prognosi, ma sono fiduciosi sul recupero della 23enne. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri di Fermo, che stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti.

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Senigallia, ubriaco al volante sperona l'auto di un professore Successivo Marche: in arrivo altri 544 migranti A Macerata 80 pakistani in un mese